Ricky Martin, lo sfogo dopo l’archiviazione delle accuse: “Ho bisogno di parlarne”

Ricky Martin, lo sfogo dopo l’archiviazione delle accuse: “Ho bisogno di parlarne”

Dopo il ritiro dell’ordine restrittivo nei suoi confronti, Ricky Martin è tornato a parlare di quel che ha vissuto in un video, in cui si è sfogato e ha ringraziato i suoi fan per il supporto mostrato.


Sono state settimane difficili per Ricky Martin, accusato di violenza domestica dal nipote ventiduenne Dennis Yadiel Sanchez. Il divo della musica latina se l’è vista davvero brutta perché, qualora le accuse fossero state confermate, avrebbe rischiato fino a cinquant’anni di carcere.


Leggi anche: Amici 18: Maria De Filippi risponde a Milly Carlucci e svela le reazioni di Ricky Martin

Il 21 luglio si è tenuta la prima udienza presso il Tribunale di Porto Rico che ha scagionato l’artista da ogni accusa. L’ex Re del Pop Latino – che è sposato con l’artista Jwan Yosef e ha due figli – può finalmente tornare a respirare. Stando a quanto riporta il americano TMZDennis ha spontaneamente ritirato le accuse nei confronti dello zio. Il tribunale di Porto Rico ha definitivamente chiuso il caso e sospeso l’ordine restrittivo che pendeva sulla star. Il diretto interessato ha celebrato la fine dell’incubo che l’ha travolto con un post su Instagram, fatto di poche ma incisive parole: “La verità ha prevalso”.

Ricky Martin libero di parlare: “Per due settimane non ho potuto difendermi”

Ricky Martin, all’indomani del verdetto in suo favore, si è sfogato in un video, raccontando ai fan l’incubo che ha vissuto. Nel filmato, pubblicato dal magazine americano TMZ, è apparso visibilmente provato ma desideroso di voltare pagina . Fino a questo momento, per via della procedura legale, era costretto al silenzio. La sentenza, ora, gli permette di alleggerirsi il cuore.

Sono davanti alle telecamere oggi perché ho bisogno di parlare per poter iniziare il mio processo di guarigione. Per due settimane non ho potuto difendermi perché la legge mi impediva di parlare prima di presentarmi davanti al giudice. Grazie a Dio le affermazioni in questione si sono rivelate false, ma vi dirò la verità: è stato davvero doloroso. È stato devastante per me, la mia famiglia, i miei amici. Non lo auguro a nessuno.

Infine, seppur senza nominarlo esplicitamente, ha rivolto un pensiero a Dennis, il figlio adottivo di sua sorella Vanessa, dal quale è partito il polverone: “Alla persona che affermava queste sciocchezze auguro il meglio e spero trovi aiuto, così da poter iniziare una nuova vita piena di amore, verità e gioia e che non faccia del male a nessuno”. Martin è sicuro che non esista strada migliore della musica per conquistare la guarigione: “Non vedo l’ora di tornare sul palco, che è ciò che so fare meglio. Grazie a tutti i miei amici, grazie ai miei fan che hanno creduto in me. Non avete idea della forza che mi avete dato con ogni singolo commento sui social. Dio vi benedica”.