Mondiali 2014 – Finale 3° posto Brasile VS Olanda, precedenti, arbitro, diretta streaming Rai

Mondiali 2014 – Finale 3° posto Brasile VS Olanda, precedenti, arbitro, diretta streaming Rai

Domani sera alle ore 21 si gioca la finale per il terzo posto tra Brasile e Olanda, le deluse della competizione


Mondiale Finale 3-4 posto Brasile Olanda. Domani sera sabato 12 luglio si affronteranno per la finale del terzo posto gli orange olandesi, eliminati dall’Argentina ai rigori e i carioca della selecao eliminati brutalmente dalla Germania con un clamoroso 7-1. Le lacrime si sono asciugate e le due formazioni daranno il tutto per tutto per portarsi a casa almeno la finalina. Domenica 13 luglio si gioca la finale per il primo posto tra Argentina e Germania.

Calcio di inizio alle 22 allo stadio Estadio Nacional a Brasilia e partita trasmessa in diretta su Rai 1 HD per quanto riguardo le trasmissioni in chiaro e su Sky Mondiale 1 HD per la piattaforma a pagamento. Disponibile anche in streaming tramite Rai.tv o SkyGo, gratis per gli abbonati e SkyOnline, pagando il singolo evento.

L’arbitro della finale 3 posto. L’algerino Djamel Haimoudi, 43 anni, primo arbitro proveniente dalla CAF, la Confederation africaine de football, ad arbitrare una finale di un mondiale. Quarta partita diretta in questi mondiali dopo Australia-Olanda, Costarica-Inghilterra e Belgio-Stati Uniti agli ottavi, che causò qualche polemica da parte di Klinsmann.

Il percorso del Brasile fino alla finale. Il Brasile ha iniziato i suoi mondiali nel girone A insieme a Camerun, Croazia e Messico e ha inaugurato la competizione in una discussa partita contro i croati. E’ finita 3-1 ma i biancorossi si sono visti annullati un goal valido e fischiati contro un rigore inesistente. Veleni fin da subito insomma. La seconda partita è stata quella contro il Messico, poi qualificato come seconda, dove i carioca non sono riusciti ad andare oltre un deludente 0-0 per merita del portiere Ochoa, un vero e proprio muro contro gli attaccanti della selecao. Infine è arrivata la goleada 4-1 contro un Camerun privo di stimoli e già eliminato. Anche questa rotonda sconfitta ha alimentato polemiche di combine.

Agli ottavi il Brasile ha trovato il Cile, sorprendete dominatore del gruppo B dove la Spagna è stata eliminata. Il sogno dei brasiliani si stava per spegnere all’ultimo minuto dei supplementari quando Pinilla ha preso in pieno una traversa storica per il calcio cileno -e che si è fatto tatuare sull’addome. 1-1 in 120 minuti e ai rigori è stato decisivo il portierone Julio Cesar per la vittoria finale 3-2. Ai quarti è stato il turno di un altro derby sudamericano tra Brasile e Colombia. La squadra di James Rodriguez e Cuadrado può recriminare parecchio per altre decisioni arbitrali dubbie ma alla fine i verdeoro vincono 2-1 grazie ai gol di David Luiz e Thiago Silva. La partita però segna l’inizio del dramma. Neymar si frattura una vertebra in uno scontro con Zuniga che gli farà saltare tutto il mondiale, mentre il capitano Thiago Silva si fa ammonire e salterà quindi la semifinale per squalifica. E in semifinale c’è la Germania, in una partita che è già entrata nella storia del calcio. Il Brasile perde 7-1 sotto i colpi ripetuti e mortali dei tedeschi. Una nazione piange, in 6 minuti di totale bambola Muller and co. segnano 4 goal e la chiudono.

Il percorso dell’Olanda fino alla finale. L’Olanda era chiamata a compiere un’impresa: ripetere l’impresa dei mondiali 2010 in Sud Africa dove arrivò in finale contro la Spagna. Sfavorita da tutti i bookmaker, neanche presa in considerazione dagli esperti, gli orange partivano proprio contro gli iberici in una rivincita dal sapore di vendetta. Finisce 5-1 per l’Olanda e segna anche la fine dell’impero spagnolo. Nella seconda partita del girone B c’è l’Australia, e dopo 90 rocamboleschi minuti, finisce 3-2 per la squadra di Robben e Van Persie. Per vincere il gruppo e evitare il Brasile, bisogna battere il Cile nello scontro diretto e l’Olanda letteralmente domina vincendo 2-0.

Agli ottavi come avversaria c’è il Messico. La partita è emozionante e l’Olanda gioca male, sotto il suo livello. All’80 è sotto 1-0 quando Sneijder con un gran goal riesce a pareggiarla. Il risultato finale è deciso da un rigore inesistente su simulazione di Robben. Persino la FIFA indaga ma è troppo tardi, il Messico è fuori 2-1. Ai quarti c’è la cenerentola del torneo, la Costa Rica vincitrice del girone dell’Italia. Dovrebbe essere una facile pratica da sbrigare ma si arriva esausti ai rigori. L’Olanda passa grazie a una invenzione di Van Gaal, togliere il portiere titolare al 120esimo e mettere in campo, solo per i rigori, Tim Krul. Fortuna o talento, non si sa ma grazie a una sua parata volano in semifinale. E qui trovano l’Argentina. La partita è forse la più brutta del torneo, tecnicamente e per quantità di occasioni da gol. Ancora una volta i rigori sono decisivi e eroe della giornata è Romero, numero 1 argentino che ferma i sogni degli olandesi.

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto