Lebron James torna a Cleveland, The Chosen One è stato perdonato

Lebron James torna a Cleveland, The Chosen One è stato perdonato

Lebron james ha annunciato la sua decisione di tornare a casa, ai Cleveland Cavaliers, in una lunga lettera su Sport Illustrated, saluta così Wade e Bosh dopo 4 anni a Miami


Lebron James ha scelto, torna a casa, a Cleveland, dai suoi Cavaliers, dove tutto è iniziato, dove è nato e cresciuto, dove aveva promesso di tornare dopo essere passato ai Miami Heat 4 anni fa con la Decision. Just a kid from Akron, Ohio, è la scritta che compare sul suo sito. In una lunga lettera scritta per Sports Illustrated, il prescelto ha ringraziato tutti i suoi colleghi, compagni e staff tecnico a Miami, da Dwyane Wade e Chris Bosh al presidente Micky Harison, al GM Pat Riley, fino a Mario Chalmers e Udonis Haslem. Ma adesso inizia una nuova vita, o meglio, torna a quella di prima, a quel sogno, di portare alla vittoria i suoi Cavs, e questa volta non sarà da solo.

I’m ready to accept the challenge. I’m coming home. Così si chiude la lettera di Lebron. James lascia una squadra con cui ha vinto 2 anelli e disputato 4 finali e sceglie il cuore, a suo dire, sceglie una squadra giovane, dal potenziale enorme ma acerba e che non vede i playoff da anni. Sceglie di giocare con Kyrie Irving, uno dei play più forti della lega, di giocare con Andrew Wiggins, prima scelta al draft 2014 e sulla carta uno che farà molta strada, sceglie Waiters, Thompson, Benneth, giovani di belle speranze a cui serviva proprio un leader e un giocatore come Lebron.

Lebron saluta Miami dove ormai la situazione era critica. Wade è quai un ex giocatore, con delle ginocchia disastrate, Bosh era con le valigie in mano, direzione Houston – ma poi ha firmato d nuovo con gli Heat per il massimo salariale- ma soprattutto era una quadra che dipendeva troppo da Lebron. Senza di lui non erano competitivi ed erano una Cleveland 2.0, ovvero la squadra da cui era scappato nel 2010. E quindi, tanto vale lasciarli e tornare a casa, a compiere quella promessa, a portare quel titolo mai vinto.

La Free Agency adesso può muoversi. Con Lebron che ha deciso, e ora viaggia verso la finale dei Mondiali in Brasile, tutti gli altri possono compiere al meglio le proprie di scelte. Come detto Bosh ha scelto di rimanere, per una cifra spaziale di 120 milioni in 5 anni. Dallas adesso corteggia Wade, mentre Houston ha fallito l’aggancio a Bosh ma è riuscita a mandare Jeremy Lin ai Lakers, i quali stanno per spedire Gasol a Chicago con una sign and trade per Boozer. Ma tutti aspettano la seconda decisione, quella di Carmelo Anthony indeciso se rifirmare con i Knicks, e prendere 130 milioni, o andare via, magari proprio ai Bulls dove lo aspetta Derrick Rose. Entro domani la decisione.

Infine una curiosità, pensate un po’, la prima partita della preseason, a ottobre, si giocherà a Rio De Janeiro, in Brasile proprio tra Cleveland Cavaliers e Miami Heat. Un caso o la NBA sapeva qualcosa con largo anticipo?

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto