Osvaldo Supino presenta Behind the curtain, il suo ultimo album

Osvaldo Supino presenta Behind the curtain, il suo ultimo album

“E’ forse il disco più – mio – che abbia mai realizzato fino ad ora, lontano dalle contaminazioni di amori infranti o altre esperienze stravolgenti, ma che fa forza sulle origini, su pensieri messi in ordine in un momento in cui avevo necessità di fare i conti con me stesso.”


Il nuovo album di Osvaldo Supino “Behind the curtain” ha debuttato al 3° posto su iTunes dietro a Tiziano Ferro e Francesco De Gregori. E’ stato l’artista italiano indipendente più cliccato e discusso del 2014 ed è stato il primo artista italiano ad esibirsi sul palco del World pride a Londra.

Nella sua carriera, fino ad ora, Osvaldo ha avuto 2 nomination ai Premi Pivi, 1 premio MEI, 2 nickeclip Awards e 1 premio Unicef. In America ha rappresentato l’Italia come testimonial in una campagna anti-bullismo al Pledge Antibully Festival di New York. Osvaldo è un artista internazionale, si è esibito in Italia, Germania, Spagna, Francia, Svizzera, Austria, Portogallo, Uk, America e il suo ultimo album uscito lo scorso 26 novembre a distanza di un anno e mezzo di Exposed – lo ha riportato di nuovo in tour, puoi trovare tutte le informazioni sul suo Tour sulla pagina Facebook ufficiale dell’artista.

Il nuovo album è composto da 10 brani lavorati tra Milano, Los Angeles e Helsinki. Hanno collaborato alla sua produzione: Leeyou&Dancey (Akon, Leona Lewis), Jussi Nikula (nomination Grammy Awards) e Sergio Vinci (Laura Pausini, Nek, Noemi).

Dopo una lunga pausa passata con la famiglia, Osvaldo ha scritto i testi delle canzoni di questo album che lo raccontano senza paure. Tocca temi mai trattati in passato, per esempio la solitude in “Stop the Rain”. “Stay” è una dedica esplicita a suo padre e del suo desiderio di diventare padre. Behind the curtain è un album intimo, personale, ed è la prova dell’evoluzione artistica di Osvaldo Supino.

Come un sipario protegge uno spettacolo e i suoi segreti, ci sono barriere che ognuno di noi mette con gli altri e con sé stessi per difendersi, per la paura di essere vulnerabili. Questo album è un invito ad abbattere i muri, fidarsi del proprio istinto e lasciar entrare gli altri.

Osvaldo Supino - Behind The Curtain
Osvaldo Supino – Behind The Curtain – Ecco come l’artista racconta le canzoni dell’album

In questo album ci sono io, c’è la mia indipendenza, c’è la mia abilità e c’è il mio presente.

Outta my mind

“È l’ossessione per le storie che nascono nella maniera più imprevedibile e ti stravolgono completamente. È stato il primo brano che ho scelto e registrato per questo disco e penso che inconsapevolmente mi abbia dato subito la direzione musicale
che poi avrei intrapreso per tutto l’album.”

Livin’ Again

“Il pezzo più positivo di tutto l’album. Alle volte bisogna lasciarsi tutto alle spalle, seguire il proprio istinto e avere il coraggio di buttarsi in qualcosa di nuovo. È l’accettazione del cambiamento, del sapersi trasformare e reinventare ogni volta. In un momento in cui sorridere sembra quasi impossibile, in cui siamo tutti stanchi delle cose che non vanno, avevo bisogno di questa canzone, della sua positività e di sentirmi portavoce di questa energia costruttiva.”

Stop the Rain

“Crescere è imparare a dire “ho bisogno di te”, è non vergognarsi di sentire la necessità di qualcuno che ci protegga, qualcuno a cui fare riferimento nei nostri momenti più difficili. Nelle bellissime cose che ho vissuto in questi anni, spesso mi sono sentito molto solo. Una sensazione davvero strana perché in realtà in quei momenti ero circondato da moltissime persone, ma non erano quelle di cui io avevo realmente bisogno. È un testo in cui chiunque può identificarsi per le più diverse motivazioni ma soprattutto è un invito a svincolarsi dalla mania di perfezione e apparenza che il nostro tempo quasi ci impone. Spesso è proprio in quelle che consideriamo le nostre debolezze, la nostra vera forza, il segno di una particolarità.”

Coming for me

Questo è un pezzo da ascoltare attentamente. E’ il risultato della ricerca di tanti valori che Osvaldo ha portato avanti per cercare un’atmosfera quasi magica, idonea a portare al meglio il messaggio che è celato nel testo.

“L’idea che ci sia una persona perfetta per noi non mi ha mai abbandonato. Un pensiero che nella Kabbalah che studio da anni, è particolarmente ricorrente. “Coming for me” racconta la magia sacra che unisce due persone, lontano dalla fisicità, ma più correlata alla profondità del sentimento più puro, a quell’energica parte di noi che governa l’universo. Reza, che ho voluto fin da subito nella canzone, ha conferito una sacralità unica alla canzone recitando dei versi di una poesia di 800 anni fa, e dando allo stesso tempo una voce alle mie origini ebraiche. È uno dei brani che più mi ha portato a riflettere e cercare nel mio passato, a capire quanta storia ognuno di noi ha dentro e dietro di se.”

Wet dream

Osvaldo spesso ha affrontato tematiche legate al sesso nel suo ultimo album. In questo pezzo però si denota un approccio molto maturo, evidenzia una crescita artistica e questo brano ne è la prova. La provocazione è sempre dietro l’angolo, talvolta, dietro una porta. Scopri di più su questo articolo.

“La provocazione è stato un termine che per tanto tempo mi è stato associato, spesso senza che nemmeno lo cercassi. Penso che costruirsi una sorta di attitude possa aiutarci a buttare giù alcune delle nostre barriere, timidezze, paure. In particolare “Wet dream” è la volontà di sentirsi il sogno proibito di qualcuno, sentirsi sicuri di sé e giocare le proprie carte per ottenere qualche volta anche qualcosa di più di un semplice incontro fisico.” 

Missing you
È la cover di un pezzo di John Waite del 1984 che ballavano i miei genitori quando mi aspettavano. Sono sempre più convinto che questo mio amore folle e incontrollabile per la musica sia colpa del loro portarmi in discoteca già prima che nascessi. È un omaggio al loro amore, al loro rapporto che dura da più di 32 anni e assume per me un esempio ogni giorno di più. È però anche una dedica, a qualcuno che ho lasciato andare tempo fa senza lottare. A rendere questa traccia ancora più speciale c‟è la voce di Antonella Lo Coco, un’artista che stimo particolarmente per il suo talento ma sopratutto per la sua freschezza.”

Infinity

“L’avventura di una sera e il suo ricordo quasi surreale. Ricevetti questo demo giusto un giorno prima di un incontro particolare, quasi come una premonizione. Me ne innamorai subito;della canzone e di lui. È un ricordo cristallizzato nel tempo, un punto in cui la mia vita prese una piega totalmente diversa.”

Now that you know

“Una dichiarazione d’amore, una lettera innocente, vera, pura. Innamorarsi, dichiararsi, correre il rischio, lontano dalla complessità delle situazioni e dalle dinamiche sempre più difficili tra le persone. Ritrovare la bellezza di vivere le cose per quelle che sono, mettendosi in gioco, senza paure e residui di storie passate.”

Pickup truck

“Il racconto di una sera con i miei amici. I nostri discorsi stupidi, il mio alterego “Bob”, la voglia di non pensare a nulla se non godersi il momento. Il pezzo più frivolo di tutto l’album che però sottolinea quanto sia importante anche sapersi divertire, dimenticare le preoccupazioni e ciò che ci ossessiona e godere semplicemente di quello che siamo e della compagnia delle persone che ci stanno accanto.”

Stay

“La canzone per me più importante di tutto l’album. Una dedica esplicita a mio padre, alla sua storia, al suo coraggio, ai migliaia di kilometri fatti insieme quando ero piccolo per farmi realizzare tutti i miei sogni. La nostalgia dei giorni semplici, del tempo passato insieme, il senso di colpa che sento ogni volta che vado via da casa. La mia richiesta a lui di starmi accanto ogni giorno, al mio bisogno di imparare da lui. E’ un brano che è nato dopo una nostra conversazione. Gli avevo chiesto come aveva fatto a ricostruirsi una vita dopo aver perso il primo amore della sua vita, dove aveva trovato il coraggio. Lui mi ha semplicemente detto: “ho visto tua madre e non ho potuto che aprirmi a lei, ho capito che solo amandola potevo salvarmi. Devi aprire il tuo cuore, correre il rischio e vivere con pienezza quello che ti circonda”. Non ci sono dubbi sul fatto che è lui il padre io vorrei essere un giorno per mio figlio.”

“What do wanna be? Listen to your heart

Don’t let anybody put you down”

Words that I know I will say

when I’m holding my children one day”

Osvaldo Supino - Intervista
Osvaldo Supino – Intervista

Intervista – Osvaldo Supino

Perché canti in inglese?

“E’ la lingua che si presta di più al pop dance, in italiano è più complesso. Anche la metrica è diversa. Anche il tour all’estero non è stato calcolato ma è una chance.”

Che feedback hai del pubblico dei tuoi spettacoli?

“Io sento una grande responsabilità ogni volta che salgo sul palco, o in Italia o all’estero, sia per chi sa chi sono sia per chi mi deve ancora scoprire. Pertanto cerco di costruire uno spettacolo che possa dire qualcosa di me. La mia musica fa molto riferimento al movimento, pertanto cerco di preparare degli spettacoli che possano dare al pubblico un idea concreta e d’intrattenimento.”

Quali sono i tuoi punti di riferimento musicali?

“Ce ne sono tanti. Michael Jackson è uno di loro, il primo disco che ho acquistato è il suo, poi c’è Madonna. Ascolto anche tantissima musica italiana. Mi piace molto Ennio Morricone, con cui mi piacerebbe tantissimo collaborare.”

Parlami del tuo rapporto con la moda.

Mio fratello cura la mia immagine. Proprio perché sento molto il peso del palco e voglio apparire sempre al meglio. E’ molto interessante il lavoro di ricerca che facciamo insieme.”

Daring to do vuol dire osare. Cosa significa per te osare? In cosa osi?

“Osare è un po’ rischiare. Io penso che oso ogni giorno scegliendo di essere
esattamente me stesso. Essere se stessi oggi è difficile. E’ la più grande libertà che si può avere, ma sappiamo che le cose più grandi sono quelle più difficili da confessare e da mantenere. Io oso di più proprio in questo: ad essere me stesso.”

Osvaldo Supino
Osvaldo Supino

 

Ivone Ferreira





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto