Black Country Communion, l’ultimo supergruppo

Black Country Communion, l’ultimo supergruppo

I supergruppi rock non sono esattamente una novità e non sono neppure troppo amati dai puristi del genere, pronti a…


I supergruppi rock non sono esattamente una novità e non sono neppure troppo amati dai puristi del genere, pronti a considerare come un fatto esclusivamente commerciale l’idea di assemblare i componenti di celebri band per dare vita ad un nuovo, spesso provvisorio gruppo, d’immediata fama. Lo scorso anno sono stati tre i supergruppi usciti con un primo album: Them Crooked Vultures, Chickenfoot e The Dead Weather (questi ultimi usciti anche con un secondo lavoro), band che contano nelle loro fila membri dei Led Zeppelin, Nirvana, Van Halen, Red Hot Chili Peppers, Queens of the Stone Age e White Stripes.

E intanto un nuovo superteam scala le classifiche, si tratta
dei Black Country Communion con l’ex bassista e cantante dei Deep Purple, Glenn Hughes (autore di dieci dei dodici brani inclusi nell’album); il talentuoso chitarrista blues-rock e cantante Joe Bonamassa, il batterista Jason Bonham (figlio del compianto John Bonham, già salito agli onori delle cronache per aver preso il posto del padre nella reunion del 2007 dei Led Zeppelin) e infine, Derek Sherinian virtuoso delle tastiere dei Dream Theater.

La band nasce da un’idea del prosuttore Kevin Shirley, già collaboratore di Iron Maiden, Aerosmith, Black Crowes, Led Zeppelin che però rifiuta l’etichetta di suoergruppo per i Black Country Communion. E dopo l’album, un’esibizione esclusiva per 160 giornalisti negli studi della BBC, la band è pronta a, a dicembre, partire per un tour nel Regno Unito. Sarà vera gloria? La qualità certo non manca. Info: www.bccommunion.com





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto