Temptation Island, Berlusconi lascia la porta socchiusa: il format tornerà

Temptation Island, Berlusconi lascia la porta socchiusa: il format tornerà

Gioia, gaudio e tripudio dei fan di Temptation Islande grazie alle parole dell’amministratore delegato di Mediaset. Sembra che Temptation non sarà cancellato definitivamente ma piuttosto spostato a Giugno 2023. Un pit stop prima di ripartire alla grande come sempre.


Mancava solo l’ufficialità della rete ma il finale era oramai scontato: niente Temptation Island quest’anno. Il tutto per un problema economico ovvero mancato accordo tra le due società dietro la produzione del format. Da un lato la Fascino, detenuta al 50% da Maria De Filippi e dall’altro, la Banijay detentrice dei diritti. Da qui è scaturito un tentativo – andato a vuoto – di proporre in extremis un altro format come Uomini & Donne Vip, attualmente messo in standby. Si è atteso il colpo di coda finale ma invano. Negli scorsi giorni anche l’ex conduttore Filippo Bisciglia, sollecitato dai moltissimi fan che gli chiedevano del programma, aveva capitolato e dovuto ammettere tristemente:


Leggi anche: Temptation Island Vip, ultima puntata: Andrea Zenga lascia Alessandra Sgolastra

Questo è il periodo in cui sarebbe dovuta andare in onda la prima puntata di Temptation Island e purtroppo non sarà così.

Temptation Island, “arrivederci amore, ciao! Le nubi sono già più in là”

Durante la presentazione dei palinsesti Mediaset per la stagione autunnale 2022/2023, l’amministratore delegato Pier Silvio Berlusconi ci ha tenuto a fare una precisazione. L’oggetto è stato il format Temptation Island attualmente non in programmazione.


Potrebbe interessarti: Temptation Island Vip, Alessia Marcuzzi rivela: “Situazione assurda nel villaggio”

Nessun nodo, vogliamo sperimentare altro e ci stiamo prendendo un tempo per farlo. Temptation resta negli interessi dell’azienda e non è escluso che in futuro possa comparire nuovamente nei nostri palinsesti. Tra l’altro, semmai fosse, parliamo di un periodo di messa in onda successivo alla prossima primavera, quindi il non esserci nei palinsesti che stiamo presentando per il 2023 non è indicativo, visto che si fermano più o meno ai programmi di giugno. Insomma, è davvero tutto da vedere.

Quindi non è tutto perduto per Temptation che in 10 anni di edizioni ha sempre mantenuto il suo 20% di share, risollevandosi soprattutto nell’ultima stagione. Probabilmente è stato anche il ragionamento della rete che lo vedrebbe meglio in un altro periodo a confrontarsi con trasmissioni concorrenti più agguerrite. Nel frattempo preparate i falò, a casa.