Ballando con le Stelle: vip critica la “regola” di Milly Carlucci

Ballando con le Stelle: vip critica la “regola” di Milly Carlucci

La scelta di Milly Carlucci di avere un cast senza partecipazioni precedenti ad altri reality, ha bruciato la possibilità di poter partecipare a Romina Carrisi, figlia di Albano e Romina Power. Peccato che questa regola non valga per i “talenti veri” ma chi sono realmente?


Niente, certe esclusioni proprio non vanno giù. Lo sa bene la padrona di casa di Ballando con le Stelle, Milly Carlucci che ogni anno legge sui giornali le varie lamentele degli esclusi. Stavolta a parlare è ‘una figlia di’, rea di non essere in linea con una semplice richiesta della Carlucci. Non è infatti un mistero che la scelta del cast annuale è basata, oltre che su altri requisiti, anche sul fatto che siano concorrenti scevri da presenze in reality.


Leggi anche: Il botta e risposta tra Maria De Filippi e Milly Carlucci

Finché ci riusciamo vorrei mantenere questo principio. Il motivo è semplice, nei reality ci si racconta in situazioni estreme, rischieremmo di vedere storie già raccontate. Diverso è il discorso dei talenti veri e propri lì non c’è nessuna preclusione.

Su chi siano esattamente i talenti veri, c’è molta confusione ed ecco scatenarsi la critica.


Potrebbe interessarti: Ballando con le Stelle 13: ecco il cast della nuova edizione del 2018

Ballando con le Stelle, l’esclusa: “Pensavo di essere perfetta per questo programma. Ci sono rimasta male”

Tra chi è rimasto fuori dalla porta e la guarda anche in cagnesco, abbiamo la figlia di Albano e Romina Power, Romina Carrisi. La sua “colpa”? Esser stata protagonista di un reality, l’Isola dei Famosi, per appena due settimane quando aveva 18 anni.

Ho sempre amato ballare e il programma Ballando con le Stelle è il palco perfetto per coniugare l’amore per questa forma d’arte con la recitazione, l’interpretazione e la mia storia, le storie che nessuno conosce che avrei svelato man mano. Pensavo di essere perfetta per questo programma. Ci sono rimasta male? Certo. Ma ho imparato ad accettare i “no” con estrema eleganza.

La motivazione ufficiale di questa decisione da parte della produzione è stata che ho fatto un reality nel 2005. Mi dispiace che una decisione presa con l’incoscienza dei miei 19 anni appena compiuti possa ancora bruciare a 35. Posso solo apprezzare la loro coerenza e augurargli il meglio. E io? Eh io, io. Ballerò in salone, indossando solamente un paio di mutandine rosse e un paio di Rayban neri sperando che mi intraveda Simonetta, la mia vicina di casa.