Vladimir Luxuria rifiuta Miss Italia – se le trans operate restano fuori, resta fuori anche lei

Vladimir Luxuria rifiuta Miss Italia – se le trans operate restano fuori, resta fuori anche lei

Invitata come giudice nel concorso di bellezza, declina la proposta e commenta piccata su Twitter


Sempre agguerrita quando si tratta di diritti umani, Vladimir Luxuria questa volta scatena una nuova polemica nei confronti di Miss Italia, popolare concorso di bellezza a settembre su La7 che vede quest’anno l’arrivo in conduzione di Simona Ventura, vecchia amica della Luxuria.

Invitata ad occupare un posto nella giuria del concorso, Vladimir non ha perso tempo per rifiutare di netto l’offerta facendo leva su di un articolo del controverso regolamento di Miss Italia, soffermandosi più precisamente nel contestare l’articolo 8 che impedisce alle trans operate e riconosciute come donne di accedere al concorso.

Condensa in pochissime battute via Twitter il motivo del suo rifiuto, dove posta questo messaggio da cui si evince inequivocabilmente quale sia il suo punto di vista: “Chi si opera e diventa donna non può comunque fare Miss Italia, e mi chiedono di fare la giurata?”.

Molti gli utenti arrivati per condividere il messaggio di apertura lanciato dalla Luxuria, mentre qualcuno le fa notare come la sua presenza al concorso avrebbe potuto in qualche modo dirigere pubblico ed organizzazione verso un cambio di mentalità; nulla da fare, Vladimir resta delle sue posizioni, ma anzi afferma ancora di più il suo punto
di vista rispondendo con un secondo messaggio, anche questo prontamente condiviso dai suoi follower: “Sarò giurata quando toglieranno l’articolo 8 che dice no alle trans operate. Perché io si e le altre no? Solo perché sono famosa?”. Un ragionamento che non fa una piega, e che non smentisce la coerenza di Vladimir Luxuria.

Valeria Martalò





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto