Uomo scopre di avere l’utero, poteva rimanere “incinto”

Uomo scopre di avere l’utero, poteva rimanere “incinto”

Un uomo di 37 anni, che ha preferito non rivelare la sua identità, ha scoperto di avere una rara sindrome. Leggiamo la sua storia.


La strana condizione fisica di uomo non identificato è stata scoperta quando ha subito una risonanza magnetica, dopo aver scoperto del sangue nelle sue urine. La scansione ha rivelato che l’uomo, 37 anni, che viene dal Lancashire, possiede un insieme funzionale di organi riproduttivi femminili, per mezzo dei quali ha rischiato anche di poter rimanere “incinto”. I medici ritengono che la condizione dell’uomo sia identificabile nella sindrome da persistenza dei dotti Mülleriani (PMDS), una rara condizione in cui una persona ha organi genitali maschili all’esterno e organi riproduttivi femminili all’interno. L’uomo è stato invitato a sottoporsi ad un’operazione chirurgica per rimuovere gli organi femminili.

Parlando a The Sun, l’uomo, che ha una relazione con una donna, ha sottolineato di essersi sentito fino ad allora “un uomo normale.”

Ha aggiunto: “La diagnosi è stata una bomba. Sono solo un normale ragazzo di 37 anni, con una vita sessuale normale. Sono rimasto scioccato quando il mio medico ha detto che avevo organi riproduttivi femminili. Mi è stato anche detto che avrei potuto avere il ciclo.” L’uomo ha raccontato di aver vissuto la pubertà normalmente, ma in seguito ha sviluppato dolore dopo il sesso scoprendo anche sangue nelle urine. Si ritiene che il sangue potrebbe essere il risultato dei suoi periodi, mentre il dolore post-sesso è stato causato dalla PMT.

Anche se un test del DNA rivelerà pienamente il suo equilibrio di genere, il 37enne dice che continuerà la vita come un uomo a prescindere dal risultato e ha esortato gli uomini che credono di poter avere la stessa condizione a consultare il medico.

Ha poi aggiunto: “Non posso credere di essere l’unica persona con questa sindrome. E spero che un altro uomo con sintomi simili possa essere trovato.” Circa 120 bambini nel Regno Unito sono nascono con questa sindrome ogni anno. Questa condizione è stata segnalata anche nei cani.

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto