Uomini e Donne, intervista a Giovanna Abate: “Giulio e Giulia? Se sono felici buon per loro”

Uomini e Donne, intervista a Giovanna Abate: “Giulio e Giulia? Se sono felici buon per loro”

La nuova tronista è stata intervistata dal settimanale dedicato al dating show.


Giovanna Abate è la nuova protagonista del trono classico di Uomini e Donne. Dopo aver concluso il percorso con Giulio Raselli, la tronista sogna il suo lieto fine. Oggi, l’esperienza con Raselli è solo uno stimolo in più per continuare a credere che valga la pena lottare per le proprie emozioni. Per Giovanna, l’esperienza a Uomini e Donne è un modo per concentrarsi su se stessa: alla poltrona rossa, la romana affida le sue fragilità, le sue paure ma anche le speranze ed il sorriso di chi ha voglia di tornare ad amare.

Le parole di Giovanna Abate al settimanale di Uomini e Donne Magazine

Intervistata dalla rivista del dating show, Giovanna ha raccontato le sue emozioni come nuova tronista e le esperienze trascorse come corteggiatrice di Giulio Raselli: Nonostante sia stata lì dentro per tanti mesi, ora mi sembra di provare qualcosa di completamente te diverso. Mi sento più esposta, con maggiori responsabilità: prima venivo guardata di traverso, adesso ho uno scambio faccia a faccia con le persone in studio” ha dichiarato l’ex corteggiatrice. Poi ha continuato: “Sa, è un po’ come quando mi sono tolta gli occhiali per la prima volta, dopo essermi operata agli occhi: mi è sembrato di scoprire una realtà nuova. Sono felice di essere seduta lì, perché spero di poter trovare una persona che sia disposta a fare qualcosa per me, nella stessa misura in cui io sono pronta a dimostrare quanto tengo a qualcuno. Qualcuno ha parlato di rivincita, in realtà credo di dovere a me stessa soprattutto una vittoria. Ho scelto di partecipare al programma perché volevo trovare una persona che risvegliasse in me delle emozioni, Nonostante l’epilogo del percorso precedente, vorrei poter continuare a pensare di aver fatto bene a crederci, perché non è detto che se non mi è stato dato ciò che volevo, questo escluda che possa arrivare più avanti“.

Riguardo la scelta dell’ex tronista ricaduta su Giulia, Giovanna ha affermato: “Mi sono abituata per mesi a vederli insieme: non è una novità. Ora sono fidanzati e credo che il loro sia un amore che sta nascendo o che forse è già nato. Non faccio molto caso a quello che circola sul web su questa coppia. Se sono felici, buon per loro. […] Voglio continuare a pensare che fuori mi aspetti qualcosa di bello. Ho provato a limare alcuni aspetti della mia personalità per fare andare bene le cose con lui, ma se non ci sono riuscita probabilmente è perché non ho trovato di fronte a me la persona giusta. Arriverà quel qualcuno capace di farlo accadere spontaneamente, senza che io neppure me ne accorga. Non ho rimpianti: oggi mi sento più risoluta e più consapevole di chi voglio avere al mio fianco per stare bene.Se non avessi lottato fino all’ultimo sarebbe stato diverso. È stato proprio per evitare di avere rimpianti che, nonostante i molti indizi intorno a me che potevano farmi capire che non fossi la scelta, sono voluta arrivare fino alla fine. E sa che le dico? Sono contenta di aver dovuto fare i conti con un “no”, perché mi ha aiutata a quella persona e dalla situazione. distaccarmi davvero. Ora riparto da zero.

uomini_e_donne_giovannaabate

La ventiquattrenne romana ha raccontato le emozioni della nuova esperienza sul trono: “Mi brillano gli occhi solo a ripensarci. Ho avuto uno sguardo diverso fin dal primo momento in cui mi hanno proposto di salire sul trono. Quando sono entrata, ho iniziato a tremare: era tutto così diverso, surreale. Avevo lo stomaco chiuso, mi sentivo in imbarazzo. È difficile trovare le parole per descrivere qualcosa che non si può spiegare. Giovanna ha speso anche delle parole sulla sua compagna di trono: “Sara? La presenza di un’altra tronista non mi dispiace, perché la vivo anche come un’opportunità per interfacciarmi con una donna diversa da me, che però sta facendo il mio stesso percorso. Potrebbe aiutarmi a conoscermi meglio e a riconoscere attraverso i suoi gesti qualcosa che non farei mai. Credo che Sara sia una ragazza molto euforica, diversa da me.

Infine, l’Abate ha espresso le sue speranze: “Mi aspetto una persona che vada oltre le prime impressioni e colga la mia essenza. Qualcuno che voglia scoprirmi, che mi dia la possibilità di lasciarmi andare, che possa apprezzare anche i lati negativi del mio carattere. Quando qualcuno si innamorerà anche della mia pesantezza e imparerà a interpretarla come un segno di interesse e volontà di capire le cose, allora potrò dire di aver trovato una persona che mi conosce veramente e può far crollare la mia armatura. Cerco un uomo che sappia essere una spalla su cui poggiarmi e una persona di cui fidarmi e a cui affidarmi: qualcuno con dei sentimenti genuini tanto quanto i miei. Io ci credo.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto