Una Vita Anticipazioni del 28 giugno 2018: Simon chiude la relazione con Elvira

Una Vita Anticipazioni del 28 giugno 2018: Simon chiude la relazione con Elvira

Simon, spaventato dalle minacce di Susana, decide di lasciare senza spiegazioni la sua amata. Servante scrive delle filastrocche per carnevale.


Una Vita Anticipazioni 29 giugno 2018

Nella puntata di Una Vita in onda giovedì 28 giugno 2018, vedremo che Simon deciderà chiudere la sua relazione con Elvira, turbando profondamente la ragazza. Servante invece comporrà delle filastrocche per la festa di carnevale. Scopriamo dunque cosa rivelano le anticipazioni della puntata di Una Vita in onda alle 14.10 su Canale 5.

Ursula ha osato mettere in ombra Cayetana durante una riunione del Patronato ma per ora la Dark Lady non ha tempo di vendicarsi, impegnata come è nel piano contro Teresa.

“Cayetana perde le staffe”, Clip Video Mediaset

http://www.video.mediaset.it/video/una_vita/clip/cayetana-perde-le-staffe_857484.html

Intanto Simón, preoccupato che Susana riveli ad Arturo della sua relazione con la figlia, decide di chiudere con la Valverde. La bella Elvira ne rimane profondamente turbata ma è certa che il maggiordomo non abbia smesso di amarla e che dietro questa decisione ci sia altro. Leonor è tornata ad Acacias improvvisamente, in compagnia di una donna di colore. Davanti allo sconvolgimento delle due donne, chiede a Susana e Maria Luisa di trattare Habiba con rispetto ma purtroppo pare non venire ascoltata.

Servante sta componendo delle filastrocche per il carnevale. Il loro contenuto però schernisce gli abitanti del civico 38 e per venire approvato, mentre si esibisce davanti a Ramon, cambia tutti i testi. Anche Trini e Consuelo sono entusiaste del carnevale e decidono di comprare delle maschere. Celia però si infuria e dice alla madre che ha bisogno di riposo. Al tramonto vediamo Ursula incontrare un uomo a cui consegna un diamante blu e una lettera, entrambi da portare a un misterioso indirizzo.

Scopri tutte le Anticipazioni di Una Vita dal 25 al 30 giugno 2018.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto