TgCom 24, troppa pubblicità

TgCom 24, troppa pubblicità

Chi ha iniziato a seguire il “TgCom 24” avrà notato un’anomalia davvero seccante. Nel bel mezzo del servizio – magari…


Chi ha iniziato a seguire il “TgCom 24” avrà notato un’anomalia davvero seccante. Nel bel mezzo del servizio – magari com’è accaduto ieri, di cronaca nera – la trasmissione viene interrotta per fare spazio alla pubblicità. Dopo una manciata di minuti la notizia viene ripresa. Sarà perché non siamo abituati a vedere un tg inframmezzato con i “sofficini”, sarà perché ci sono temi che se affrontati non devono essere frammentati, sta di fatto che il telespettatore deve sorbirsi gli spot per sapere come andrà a finire il servizio in onda.

Va bene la televisione commerciale ma a tutto c’è un limite. Ciò detto e precisato va detto che il programma di all news è gradevole ed esauriente. Una testata che s’avvale – e si vede – di una equipe di giornalisti numerosa e competente. Gradevole anche lo studio e i maxischermi attraverso i quali il conduttore è supportato da immagini. Tutto studiato nei minimi particolari.

Dalle sei del mattino fino all’una di notte la sfida con Sky e Rainews 24 è stata lanciata e il direttore Mario Giordano sarà sicuramente soddisfatto.
Tempestivi i collegamenti con New York, Londra, Bruxelles e Gerusalemme curati da Maria Luisa Rossi Hawkins (New York), Federico Gatti (Londra), Laura Serassio (Bruxelles), Gabriele Barbati (Gerusalemme).

Il palinsesto – lo ricordiamo – è suddiviso in fasce di tre ore, ognuna condotte da firme storiche dell’informazione Mediaset: inizialmente Annalisa Spiezie, Fabrizio Summonte, Benedetta Corbi, Luca Rigoni, Ilaria Cavo insieme a Federico Novella.

Un canale dalle grandi possibilità economiche e quindi paragonabile a Sky News mentre il canale pubblico, quello di Rainews 24, finisce per essere ancora di più Cenerentola e questo a causa di scarsità di mezzi. Detto che più testate di all news ci sono e meglio è, non vorremmo un futuro con la tv pubblica ridotta a brandelli. Sarebbe un “delitto”.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto