TgCom 24. I “potenti mezzi”

TgCom 24. I “potenti mezzi”

Ore 20.30, una manciata di ore e l’offerta delle all news made in Italy si arricchirà con TgCom24, il canale…


Ore 20.30, una manciata di ore e l’offerta delle all news made in Italy si arricchirà con TgCom24, il canale in chiaro Mediaset dedicato all’informazione (canale 51 del digitale terrestre) che andrà in diretta dalle sei del mattino fino all’una di notte. La sfida a Sky e a Rainews è lanciata e con numeri imponenti: una redazione composta da oltre 130 giornalisti – direttore è Mario Giordano – e continui collegamenti con New York, Londra, Bruxelles e Gerusalemme. A curare queste finestre:  Maria Luisa Rossi Hawkins (New York), Federico Gatti (Londra), Laura Serassio (Bruxelles), Gabriele Barbati (Gerusalemme).

Il palinsesto è suddiviso in fasce di tre ore, ognuna condotte da firme storiche dell’informazione Mediaset: inizialmente Annalisa Spiezie, Fabrizio Summonte, Benedetta Corbi, Luca Rigoni, Ilaria Cavo insieme a Federico Novella.

Ci saranno anche diversi volti nuovi alla guida degli oltre 20 notiziari quotidiani, delle breaking news e delle tre edizioni principali del telegiornale previste alle 12, alle 18 e alle 21. TgCom24 apre anche al citizen journalism per cui utenti e telespettatori potranno partecipare attivamente inviando in tempo reale testimonianze, immagini e filmati.

E in studio alta tecnologia con un innovativo touch screen, una centrale operativa all’avanguardia e un sistema editoriale unico in Italia il Dalet, un sofisticato software integrato utilizzato dai più moderni network internazionali.

Un canale dai grandi mezzi, dunque, paragonabile certo a Sky News ma non a Rainews, informazione pubblica, che finisce per essere ancora di più cenerentola a causa di una scarsità di mezzi ormai storica che non vorremmo fosse lo specchio di un futuro prossimo venturo con la tv di Stato ridotta in briciole ed i network privati a impazzare.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto