Terence Hill raddoppia. Si gira “Un passo dal cielo II”

Terence Hill raddoppia. Si gira “Un passo dal cielo II”

“Un passo dal cielo” raddoppia. Inizieranno a marzo – tra Alto Adige e Roma, per gli interni – le riprese…


Un passo dal cielo” raddoppia. Inizieranno a marzo – tra Alto Adige e Roma, per gli interni – le riprese della seconda serie della fortunata fiction di Rai 1 con protagonista Terence Hill. I primi 12 episodi, trasmessi la scorsa primavera con la regia di Enrico Oldoini, hanno fatto registrare grande successo con una media di sei milioni di spettatori tanto che Lux Vide, la casa di produzione “capitanata” da Matilde e Luca Bernabei, e Rai Fiction hanno optato per il bis.
In questo progetto televisivo, una commedia giallo-rosa, Hill ha abbandonato la tonaca e la bicicletta di don Matteo per tornare ad andare a cavallo come ai tempi di Trinità. Interpreta Pietro, capo squadra della forestale di San Candido, con un passato doloroso. E’ stato uno scalatore capace di conquistare le vette più impervie fino a quando un tragico incidente, in cui ha perso la vita la moglie, non l’ha segnato nel profondo. Ecco perché ha deciso di ritirarsi in mezzo alla quiete delle montagne, in alta val Pusteria. Case in legno con i tetti d’ardesia, un lungo inverno con tanta neve e ghiaccio. E lì spera di ritrovare, un giorno, la serenità: la sua missione è diventata la difesa della natura. Invece il commissario, di origini napoletane, Vincenzo Nappi (Enrico Ianniello), non nasconde di essere infastidito dall’eccessiva tranquillità di questi luoghi. Lui, del resto, è abituato ai ritmi frenetici delle grandi città; la sua professione l’ha anche portato a infiltrarsi, sotto copertura, in bande criminali per sgominare degli estesi traffici di droga. Non solo: inizialmente si scontra quotidianamente con la veterinaria Silvia Bussolati (Gaia Bermani Amaral). Ma indagando sui vari casi, anche lui comincerà ad amare queste località accucciate ai piedi delle Dolomiti.

Scenari da favola dove si sviluppano anche storie d’amore e d’amicizia di cui sono protagonisti, fra gli altri, l’ex boscaiolo, e oggi sovrintendente capo della Forestale, Felicino detto “Roccia” (Francesco Salvi, disco d’oro nel 1989 con la canzone “C’è da spostare una macchina”) e la sua energica sorella Assunta (Katia Ricciarelli), senza dimenticare l’altro poliziotto Huber Fabricetti (Gianmarco Pozzoli), di grado assistente, che ha non poche difficoltà a relazionarsi con il suo superiore.

Ancora top secret, ovviamente, il contenuto dei 16 episodi che stanno per essere girati. Nel 2011 si era passati dalla scoperta dei resti di una ragazza sbranata da un lupo all’allarme per alcuni incendi dolosi, allo schianto di un aereo ultraleggero e agli avvistamenti in paese di animali esotici quali coccodrilli e iguane. (Marco Fornara)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto