Teatro. Romina Mondello è Alice

Teatro. Romina Mondello è Alice

PIETRASANTA (Lu) – Alice, ovvero la sorella di Amleto. E’ una delle possibili chiavi di lettura di “Alice” lo spettacolo…


PIETRASANTA (Lu) – Alice, ovvero la sorella di Amleto. E’ una delle possibili chiavi di lettura di “Alice” lo spettacolo tratto da Lewis Carroll che sarà in scena martedì 6 dicembre, ore 21.15, al Teatro Comunale di Pietrasanta (biglietti da 12 a 24 Euro info 0584 265733 – 795511 www.laversilianafestival.it)  per la stagione di prosa organizzata dalla Fondazione La Versiliana, in collaborazione con il Comune di Pietrasanta e la Banca della Versilia Lunigiana e Garfagnana.

Uno spettacolo visionario e immaginifico, che porta la firma dell’estroso regista Matteo Tarasco, tra i più stimati dai critici e che vede Romina Mondello straordinaria interprete di Alice, affiancata da Salvatore Rancatore, Giulia Galiani e Odette Piscitelli.

Di grande impatto la scenografia dello spettacolo, creata anch’essa da Matteo Tarasco,  che presenta la stanza di Alice nel Manicomio di Wonderland, una vecchia stanza abbandonata di epoca vittoriana, che lo spettatore scruta attraverso il pavimento sfondato del piano superiore, in una prospettiva distorta: la parete di fondo della scena è il pavimento della stanza. Questa vecchia stanza, retaggio di memorie, e al contempo luogo dove il male di vivere fa risuonare le proprie urla, il regno di una creatura speciale che vede al di là delle cose che si vedono.

 “Il nostro spettacolo ci ricorda che Alice potrebbe essere la sorella di Amleto. – scrive nelle note di regia Matteo Tarasco – Nella storia di Alice lo specchio rappresenta un confine, al di là del quale tutti noi possiamo credere di essere o di non essere principi, re e regine. Se Amleto scappa e si rifugia nella finzione della follia, Alice scappa e si rifugia nella follia della finzione, dove tutto può essere o non essere, ma nulla è un problema, bensì un enigma, che altro non è che un problema senza soluzione, come gli indovinelli del Cappellaio Matto, come gli interrogativi del principe di Danimarca”.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto