Striscia la Notizia VS Masterchef: Stefano cuoco professionale

Striscia la Notizia VS Masterchef: Stefano cuoco professionale

Striscia la notizia rincara la dose e attacca MasterChef, Stefano Callegaro aveva già lavorato prima


Non accenna a finire la polemica infinita tra i due programmi Striscia la Notizia, in onda ogni giorno su Canale 5 alle 20.30 dopo il TG e Masterchef, il talent di cucina trasmesso da Sky sul canale Sky 1 HD. Che cosa è successo? Che il programma ideato da Ricci, ha svelato a tutta Italia -il programma è registrato settimane prima della diretta-, con due giorni di anticipo, il vincitore finale della sfida tra i fornelli, ovvero Stefano Callegaro. I dirigenti di Magnolia, proprietaria di Masterchef si sono chiaramente infuriati per questa mancanza di rispetto e di professionalità. Strisci e Ricci, dal canto loro, invece di chiedere scusa, hanno contrattaccato, mostrando irregolarità nel programma e sostenendo che Stefano Callegaro, il vincitore in realtà non poteva partecipare, in quanto aveva già lavorato in due ristoranti prima del programma. Oggi, una nuova puntata della controversa vicenda.

Lo scoop di Striscia non dovrebbero essere un vanto e neppure essere stato trasmesso. Da una parte perchè non è di certo un’impresa scoprire chi ha vinto un programma registrato diverse settimane prima, e dall’altra perchè si rovina la visione a tutti gli spettatori che stavano seguendo il programma. Cosa ci ha guadagnato Striscia, qualche punto di percentuale di share in più? E invece cosa hanno perso gli spettatori di MasterChef? Sembra una mossa vile e infantile a mio modo di vedere.

Ma Striscia per l’appunto, non cede e rincara la dose. Non potendosi difendere in alcun modo -come si può, quando si fa la spia?- porta lo scontro su un altro livello. Stefano Callegaro sarebbe stato un concorrente irregolare. In un servizio a cura dell’inviato Laudadio, sono stati collezionate alcune dichiarazioni, ottenute con una telecamera nascosta e raccolte da quello che appare essere personale di sala di alcuni ristoranti non identificati. Tutto confermerebbe che Callegaro avrebbe lavorato in almeno due ristoranti, quindi non era un cuoco dilettante e amatoriale, come vorrebbe il regolamento del programma.

Accuse e prove non abbastanza forti. Sono volti e voci modificate e anonime. Magnolia tuttavia ha voluto rispondere agli attacchi, chiarendo il regolamento:

“Stefano Callegaro ha preso parte al programma rispettando tutti i requisiti richiesti dal regolamento dello stesso. Il regolamento della trasmissione dice infatti: “[…] i partecipanti non devono essere cuochi professionisti e non devono lavorare attualmente o aver lavorato in passato per più di 6 mesi continuativamente e a fronte di compensi (in denaro o in natura) con mansioni di cuoco o aiuto cuoco o apprendista cuoco in una cucina professionale presso qualsiasi struttura di ristorazione […]””.

Non solo, Magnolia era pienamente a conoscenza delle precedenti esperienze del giovane, stage durante l’alberghiero e puntualizza

“E’ vero che Stefano Callegaro ha frequentato la scuola alberghiera, diplomandosi cuoco e svolgendo due stage nell’ambito dei suoi studi superiori presso un campeggio di Rosolina Mare e il ristorante Checco di Lido di Volano. Questo era noto dall’inizio e NON è in violazione del regolamento di cui sopra. Si ricorda che Stefano si è successivamente laureato in marketing e ha scelto la carriera professionale da consulente immobiliare. Dunque non ha svolto attività professionali remunerate presso ristoranti tenendo l’amore per la cucina solo a livello amatoriale, come richiesto a tutti i concorrenti che in queste quattro stagioni hanno preso parte al programma”.

Poi rivela nomi e cognomi dei ristoranti al centro del servizio di Striscia, specificando che nel ristorante Ofiziàl di Adria Stefano ha lavorato dopo il programma:

“Il ristorante segnalato nel servizio di Striscia è Ofiziàl di Adria (RO). Come confermato anche dal titolare Claudio Stoppa sul profilo Facebook ufficiale del locale, “[…] mai prima del programma Stefano ha lavorato al Ofiziàl. La sua presenza nel mio ristorante nel periodo che va da Ottobre a Dicembre 2014 è stata solo favorita dall’incontro di due esperienze diverse, motivata umanamente da un rapporto di nascente amicizia e di curiosità professionale”. Dunque è vero che Stefano vi ha lavorato, ma DOPO la registrazione del programma e quindi ancora una volta questo NON è in alcun modo in violazione del regolamento dello stesso”.

Mentre nel ristorante Stigusti di Porto Viro Stefano è stato solo un cliente:

“Nel servizio di Striscia si fa riferimento anche ad una collaborazione nelle cucine del ristorante Stigusti di Porto Viro (RO). Stefano non ha mai svolto attività professionale retribuita in questa struttura di cui invece è stato un cliente affezionato, il che non è ovviamente in violazione di alcun regolamento. Tale circostanza è verificabile presso i titolari del ristorante, che chiariranno direttamente, nelle prossime ore, il loro rapporto con Callegaro”.

Magnolia risponde ad ogni accusa senza battere ciglio. Adesso la palla torna nel campo di Striscia ma per ora, ogni singolo attacco non ha mai fatto pienamente centro.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto