Settimana in tv. Promossi e bocciati

Settimana in tv. Promossi e bocciati

QUELLI CHE IL CALCIO    IN Nella puntata di ieri di Quelli che il calcio la mano degli autori è stata…


QUELLI CHE IL CALCIO    IN
Nella puntata di ieri di Quelli che il calcio la mano degli autori è stata tangibile e determinante: scelta strategica degli ospiti, da Vladimir Luxuria (in partenza per L’Isola dei Famosi dove sarà l’inviata), a Benedetta Parodi, a Paola Marella (Vendo Casa Disperatamente) a Claudio Lippi, oltre ad uno strepitoso Trio Medusa, mai domo. Ironia, sostegno alla Cabello, leggerezza e fine scrittura. Davvero una bella alternativa all’isituzionalità ciarliera delle due reti ammiraglie.

 
IL KICKOFF DEL GRANDE FRATELLO    OUT
Ecco che lunedì scorso il Grande Fratello, in crisi di ascolti, ci ha provato a ridarsi nuova vita: lo ha fatto inserendo sei nuovi concorrenti. Il problema è che questi “nuovi” in realtà non hanno portato alcuna novità al cast insipido di questa edizione. Riproposizione di bellezze da Uomini & Donne (senza dimenticare che anche la stessa De Filippi ha iniziato ad abbandonarlo quel modello puntando molto sulle puntate degli “anziani”), una finta coppia rappresentativa della “gente comune” (entrambi sovrappeso e poco acculturati: è questa “la gente comune?”) e poi, chicca, Kevin, ragazzo omosessuale, “portatore” di un’omosessualità ostentata, macchiettistica, da risolini anni Ottanta che, non solo non esiste pressoché più nella società, ma nemmeno nella rappresentazione televisiva. Insomma il GF, retrocedendo anche a sue aperture delle passate stagioni sembra proprio non volersi accorgere di ciò che accade nella società e fa entrare nella Casa personaggi non contemporanei.

 
IL MONTAGGIO DI ITALIA’S GOT TALENT    IN
Italia’s got talent è riuscito nell’impresa di battere Ballando con le Stelle nella sfida del sabato sera in termini assoluti e in modo roboante sul target giovane. Se ci è riuscito è sicuramente per come il programma, che è registrato, viene montato. Il lavoro è finissimo: le singole esibizioni sono legate le une alle atre in modo da renderlo un vero e proprio racconto, che non annoia mai. Emozioni, risate, sorrisi, disgusto si miscelano perfettamente. I tre giudici, soprattutto De Filippi e Scotti, ma anche “l’outsider” Zerbi funziona, sono un’attrazione per il telespettatore che vede il proprio divo televisivo come normalmente non è abituato a vederlo.

 
TG1 E IL TG5 E IL “DESTINO” SULLA TRAGEDIA DEL CONCORDIA   OUT
Sulla vicenda tragica della nave da Crociera Costa Concordia Tg1 e Tg5 hanno pensato bene di costruire due servizi che parlavano del “destino avverso” legato all’imbarcazione. Il Tg1 ha mostrato il filmato del varo della nave, quando la bottiglia gettata contro la nave non si ruppe; il Tg5 ha fatto di più: ha ricostruito i momenti legati al “destino” che hanno segnato la vita della nave. Queste analogie – grottesche e superstiziose – dovrebbero stridere già nei contenitori pomeridiani, figuriamoci in telegiornali. Enrico Mentana, in versione primo della classe, nell’edizione speciale di sabato prima del TgLa7 delle 20.00 ha tirato le orecchie proprio su questo ai colleghi “Siamo nel 2012, almeno nei tg non si dovrebbe parlare di superstizione”.
Ricordiamo che lo show di Serena Dandini The Show must go off che sarebbe dovuto partire proprio sabato sera su La7, ha deciso di non andare in onda per lasciare spazio allo Speciale TgLa7 di Enrico Mentana, in versione “servizio pubblico a tutto campo”. Forse eccessivo o legittimamente presuntuoso?





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto