Sesso, aumentano le richieste di protesi per lui

Sesso, aumentano le richieste di protesi per lui

La bella stagione risveglia i sensi dei maschietti, vogliosi di sesso. Un esperto svela una nuova tecnica per migliorare la virilità…


Se Lucio Battisti diceva che nei mesi primaverili “le donne vivono nuovi amori”, il risveglio dei sensi sembra accendere la scintilla anche nei maschietti che sembrano diventare più vogliosi di sesso nei mesi primaverili. Accade così che aumenta la richiesta di protesi per lui. A spiegare la situazione ci ha pensato Gabriele Antonini, urologo-andrologo dell’Università La Sapienza di Roma e specializzato proprio nell’impianto di protesi idrauliche al pene.

Protesi al pene: ecco come migliora la virilità

L’esperto ha rivelato: “I farmaci possono compensare una disfunzione erettile minima ma se si ha il diabete o si è subito un intervento di chirurgia pelvica si avrà questo tipo di problema nel 90% dei casi. E un impianto di protesi al pene può ridare un vita sessuale completa”.

Il professore, negli Usa, ha sviluppato una nuova tecnica di impianto e l’ha portata anche nel nostro Paese: “È meno invasiva e necessita di minor tempo di recupero – spiega – si fa un’incisione di 2,5 centimetri alla base dell’organo sessuale e si procede a una dilatazione dei corpi cavernosi per l’inserimento della protesi. Questo tipo di procedura permette di ridurre quasi a zero gli ematomi e le infezioni dovute alle complicanze”.

Antonini ha poi spiegato: “Ancora oggi il vero problema di chi soffre di disfunzione erettile o eiaculazione precoce è affrontare il problema spesso lo nascondono e questo provoca non pochi problemi psicologici e di coppia. Mentre basterebbe parlarne con il proprio medico o con uno specialista per affrontare al meglio la questione e scegliere la terapia. Senza trascurare, come ancora fanno in molti, anche la chirurgia. A prescindere dall’età è importante che non ci siano alterazioni del tessuto endoteliale e che nei soggetti giovani non si sia una fuga venosa. Quest’ultima condizione non preclude l’erezione, ma il suo mantenimento nel tempo. Chi ha la protesi è assolutamente soddisfatto dei risultati e non tornerebbe indietro”.

LEGGI ANCHE: Sesso, ecco gli orari migliori per farlo

LEGGI ANCHE: Sesso, quello che donne fanno con l’amante (ma non con il marito)

S.G.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto