Sanremo 2013: Fazio dice no ai minorenni e ai concorrenti dei talent

Sanremo 2013: Fazio dice no ai minorenni e ai concorrenti dei talent

Presentatore nuovo e regole nuove: ecco quello che Fabio Fazio vorrebbe in questo nuovo Festival di Sanremo 2013. Tante le novità e tante anche le polemiche.


Al Festival di Sanremo manca ancora molto tempo, ma ormai sono mesi che se ne parla. Se ne parla perché pensare a Fabio Fazio in qualità di direttore artistico e presentatore non era nei pensieri degli spettatori, c’è da ammetterlo e soprattutto se ne parla perché a quanto pare quello che vedremo quest’anno sarà uno spettacolo inedito e distante da quelli delle ultime edizioni.

Un Fazio che vorrebbe al suo fianco la sua squadra, nello specifico si riferisce a Luciana Littizzetto – di cui lui è una spalla perfetta, probabilmente la migliore – e ovviamente Roberto Saviano. Ire, critiche e malelingue proprio in merito a quest’ultimo: compenso troppo alto, che banalità Fazio, ma perché proprio Saviano? Chissà quanto ci costerà la scorta… e via discorrendo su questi binari.

Quello che Fazio ha intenzione di fare è certamente non permettere ai minorenni di partecipare. Evento inedito: dai Gazosa ad Anna Tatangelo. Insomma, gli esempi sono tanti e c’è chi comincia ad attaccare e scalpitare. Fabio Fazio penalizza una grande quantità di artisti. Fabio Fazio è un genio, un innovatore. Non manca il parere dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori. Meglio, stiamo parlando del sociologo Antonio Marziale, consulente della Commissione parlamentare per l’Infanzia che afferma:

“Si tratta di una scelta di assoluto buonsenso, rispettosa dell’età evolutiva e delle leggi che tutelano i minori da un sistema mediatico che li fagocita a beneficio degli ascolti e dello spettacolo. E’ tempo di finirla con i lolitismi e i capelli impomatati di bimbi arruolati per interpretare testi dei quali non percepiscono nemmeno il significato. Si tratta di una lesione al loro sacrosanto diritto di vivere l’infanzia senza distorsioni che, alla lunga, inficiano il percorso di formazione cognitiva e identitaria”

Come se non bastasse poi l’ulteriore novità di Fazio, per ora rimasta soltanto una “soffiata” vorrebbe che le porte dell’Ariston restassero chiuse per tutti gli ex concorrenti dei talent show. Niente Marco Mengoni o Noemi, niente Emma o Pierdavide Carone che ha dichiarato:

“Ho letto dichiarazioni che non mi sono piaciute. Temo che il conduttore del prossimo Festival possa snobbarmi solo perché vengo da un talent show: Fazio è libero di fare di tutt’erba un fascio, ma io non lo trovo giusto”

Voci o non voci, questo Sanremo 2013 potrebbe stupire davvero tutti, non trovate?





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto