Sanremo 2013: Carlo Verdone nella giuria di qualità

Sanremo 2013: Carlo Verdone nella giuria di qualità

A parlare è uno dei membri della giuria di qualità del Festival di Sanremo che racconta…


Dal cinema al palco dell’Ariston. Carlo Verdone arriva al Festival di Sanremo con un ruolo ben preciso, sarà un membro della giuria di qualità – che apparirà e lavorerà venerdì sera, quando sarà l’ora di entrare in gioco per il voto ufficiale, quello che aiuterà a decretare il vincitore -. Carlo Verdone intervistato dal Corriere della sera, racconta com’è nata questa sua partecipazione al Festival di Sanremo 2013:

“Il mio amico Fabio Fazio mi ha chiesto questa cortesia e io lo faccio volentieri per lui. Non guadagno assolutamente nulla venendo al Festival”.

Ha inoltre qualcosa da dire in merito al voto popolare, il televoto che avrà un ruolo determinante durante questa edizione del Festival:

“Ho sempre avuto grosse perplessità sul voto popolare. Ipotizziamo uno scenario: c’è una brava cantante che vive in un paesino, la più brava di tutte. Ce n’è un’altra che vive a Taranto, Latina, Reggio Emilia o qualunque altra cittadina: in 20mila si mettono d’accordo di votarla. Che succede? Che vince non la più brava ma quella che ha una forte comunità a sorreggerla. Il televoto funziona per aggregazioni familiari, per parentele amicali”

Ovviamente tra polemiche, cose dette e non dette, talent show che aprono la strada a nuovi idoli delle classifiche, l’attore regista non può esimersi, ma con eleganza risponde semplicemente:

“X Factor è una trasmissione gradevole che dà possibilità a tanti giovani di uscire dagli schemi tradizionali”.

Come si impegnerà Carlo Verdone in qualità di membro della giuria di qualità?

“Cercherò di fare seriamente il mio lavoro, proverò a individuare tendenze, novità, giovani interessanti e nuovi autori. Ben venga se ci sarà qualcosa di buono da esaltare… E’ giusto che i cantanti vengano giudicati come all’università. Con una giuria seria, competente, eterogenea. Formata da intellettuali, esperti musicali. Tutti che non siano corrotti e che siano insensibili alle pressioni esterne”.

Che dire? In bocca al lupo a Carlo Verdone che ha detto sì a uno dei compiti più “ingrati” e discussi della televisione italiana…

 

(b.p.)

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto