Royal Baby bis, Kate Middleton pensa a risparmiare

Royal Baby bis, Kate Middleton pensa a risparmiare

Il lieto evento si avvicina, ma nemmeno in questa occasione la duchessa di Cambridge si lascia troppo andare allo sfarzo


E’ ormai iniziato il conto alla rovescia per la nascita del ‘Royal Baby bis’, il fratellino o la sorellina arriverà a fare compagnia al piccolo George Alexander Louis e ulteriore coronamento dell’amore tra Kate Middleton e il principe William d’Inghilterra. L’attesa per il lieto evento è particolarmente forte anche oltre i confini del Regno Unito visto che la principessa nel corso di questi anni ha conquistato tutti per la semplicità e la dolcezza d’animo che ricordano tanto l’amata Lady Diana, ma anche per la volontà, quando possibile, di non pensare troppo allo sfarzo ed è per questo che ora che il parto si avvicina lei stessa pensa a risparmiare.

L’ospedale St. Mary di Londra dove il principino o la principina dovrebbe venire alla luce ha così garantito uno sconto del 10% sulla tariffa giornaliera per il ricovero in vista della nascita del secondo Royal Baby, prevista attorno al 25 aprile. Si tratta di una decisione presa perché l’esclusiva struttura sanitaria è la stessa dove la coppia reale decise di far nascere il principino George nel luglio del 2013.

Il duca e la duchessa di Cambridge potranno così pagare 6.000 sterline al giorno, rispetto ai 6.600 previsti, pari a circa 8mila euro, alle quali vanno aggiunte altre 6mila sterline ogni 24 ore per un medico personale che farà da consulente a Kate per l’arrivo del quarto componente della famiglia reale nella linea di successione al trono.

Si tratta infatti, a maggiore ragione per una principessa, di un momento molto delicato dove niente deve essere lasciato al caso per evitare che niente vada storto nella rigida etichetta della Casa Reale ed è per questo che alla Middleton non mancheranno le persone che la aiuteranno in un momento così importante. Niente comunque toglierà spazio ai parenti della coppia che non vorranno mancare.

La curiosità è forte anche per conoscere quale potrebbe essere il sesso del nascituro (il sogno di molti è che possa essere una femmina, magari simile a Lady Diana), anche se alcune fonti vicine a Buckingam Palace sostengono che nemmeno William e Kate sappiano se sarà il momento di appendere un fiocco rosa o un fiocco azzurro sulla porta.

Di fronte al St. Mary, a conferma di come manchi poco al grande evento, sono già stati affissi diversi cartelli indicanti limitazioni al parcheggio e al traffico per un imprecisato “evento speciale”. Ora quindi non resta che attendere il momento dell’annuncio ufficiale della nascita del Royal Baby Bis, ma la decisione di Kate Middleton di risparmiare anche per la nascita del suo secondo, e forse ultimo, figlio la farà amare ancora di più da tutti.

#royalbabybis, altri articoli che potrebbero interessare:

– Scommesse nel Regno Unito sul nome del secondo Royal Baby

– Kate Middleton, il Royal Baby 2 nascerà ad aprile 2015

– Royal Baby bis, gli ultimi aggiornamenti

Ilaria Macchi





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto