Robert Kubica, intervista esclusiva al Monza Rally Show: “Difficile che Vettel cambi la Ferrari”

Robert Kubica, intervista esclusiva al Monza Rally Show: “Difficile che Vettel cambi la Ferrari”

Robert Kubica intervistato in esclusiva al Monza Rally Show, manifesta i suoi dubbi riguardo l’arrivo di Vettel in Ferrari


Quattro anni dopo l’ultima apparizione, Robert Kubica torna a Monza. Questa volta però su un auto da rally. L’appuntamento è per il Monza Rally Show, classica gara di fine stagione dell’Autodromo brianzolo, dove oltre al polacco ci sono in pista anche Valentino Rossi, Tony Cairoli e Ken Block. Fin dalle prime prove, il polacco ha voluto mettere le cose in chiaro, mettendo tutti in riga, grazie ai migliori tempi sulle speciali.

Miglior inizio non poteva esserci Robert. Che sensazione si prova nel tornare a Monza?

Diciamo che sono soddisfatto. Non era facile vista la pista bagnata, però sono contento di questo risultato. Tornare a Monza è sempre bello, questa volta però è diverso, perché sono su un auto da rally e non una Formula 1“.

Sono quasi due anni che hai fatto ritorno ai rally. Quali passi avanti sono stati fatti dal punto di vista fisico e della guida?

Non è stato facile. Ho dovuto ripartire da zero per certi aspetti, mentre per altri la Formula 1 mi ha aiutato. Nei rally serve molta esperienza. In questo anno ho commesso diversi errori, però sono convinto che saranno utili per la prossima stagione. Inoltre conoscere le note non è così facile come sembra, ci vuole un po’ di tempo“.

Nella mente di tutti c’è ancora il tuo passato in Formula. Domenica rivedrai Hamilton che ha appena vinto il campionato, dato che sarà qua a Monza come ospite.

È stata una gran lotta tra lui e Nico, però credo che Lewis abbia meritato il campionato. Sono felice di rivederlo questa domenica, in modo da fargli i complimenti per la conquista del titolo.”

Rimanendo in tema F1, nella prossima stagione ci saranno alcune novità. Una su tutte l’arrivo di Vettel in Ferrari. Cosa ne pensi?

La Ferrari doveva cambiare e ha scelto un pilota come Sebastian, che ha fatto importanti risultati con la Red Bull. Sinceramente non so se lo cose cambieranno. Fernando in questi hanno si è impegnato particolarmente per raggiungere i propri obiettivi, però non è riuscito. In Formula1 serve molto lavoro e soprattutto tanto tempo per vedere i risultati“.

Manca invece solo l’ufficialità riguardo il passaggio di Alonso alla McLaren.

Sono contento per Fernando. E’ un grande campione e sono convinto che questa sfida sarà molto affascinante per lui. Mi spiace che in Ferrari non sia riuscito ad ottenere gli obiettivi che inseguiva, però gli auguro di rifarsi in questa nuova esperienza.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto