Raspelli e Melaverde tra sapori e ricette genuine. Usi e i costumi del mondo contadino

Raspelli e Melaverde tra sapori e ricette genuine. Usi e i costumi del mondo contadino

Edoardo Raspelli, amico di Daringtodo – personaggio della settimana il 30 aprile dello scorso anno – oltre ad essere giornalista…


Edoardo Raspelli, amico di Daringtodo – personaggio della settimana il 30 aprile dello scorso anno – oltre ad essere giornalista e scrittore è il conduttore di Melaverde, programma record di ascolti targato Rete4.

E parliamo proprio di Melaverde. Una trasmissione della domenica mattina ormai storica – la prima puntata è andata in onda nella primavera del 1998 – e sempre più seguita (share 18,4 per cento nell’ultima puntata), programma  dove l’unica alchimia sta nella sua formula basata sulla semplicità che non significa banalità, semmai il contrario.  Nel corso del programma si raccontano storie vere del mondo contadino, si conoscono i produttori, ci si affaccia a quel mondo di sapori fatto di Terra, Tradizione, Territorio, le tre “T” che riassumono il credo culturale di Raspelli,  e poi si scoprono – puntata dopo puntata – ricette quasi dimenticate e perchè no, si fa una capatina nelle industrie di trasformazione, per capire, scoprire, conoscere segreti e virtù del nostro cibo quotidiano .

Quello che più ci piace della trasmissione, è però  la capacità del conduttore di farci  “sentire”  i sapori delle regioni italiane, i profumi della terra che li ha generati, il suo parlare semplice indicandoci la strada per cercare il meglio in questo tempo straboccante di cibo ma povero di qualità. Ma la qualità c’è, eccome nei paesi d’Italia, basta imparare a conoscerle. E quel mangiare meno – mangiare meglio senza penalizzare il piacere della tavola è  la via maestra per un futuro che sia rispettoso di noi stessi e della nostra terra.

Un frammento di una puntata di Melaverde dello scorso gennaio





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto