Raffaello, la Madonna Esterházy a Milano

Raffaello, la Madonna Esterházy a Milano

“Raffaello è sempre riuscito a fare quello che gli altri vagheggiavano di fare” W. Goethe


La delicatezza del celebre pittore del Rinascimento italiano, in mostra nella sede del Comune di Milano: nella sala Alessi di Palazzo Marino, il capolavoro di Raffaello (Urbino 1483- Roma 1520), la Madonna Esterházy.

La tavola è conservata al Szépművészeti Múzeum, il Museo delle belle arti di Budapest, e raffigura la Madonna col Bambino e San Giovannino.

 

L’opera, del 1508, rappresenta secondo il curatore, Stefano Zuffi, la conclusione del periodo fiorentino di Raffaello, prima del trasferimento a Roma, da Papa Giulio II.

Dopo il periodo giovanile di apprendistato nella bottega del Perugino, nel 1499, Raffaello si spostò a Città di Castello, dove ricevette la sua prima commissione, lo stendardo della Santissima Trinità. Nel 1500 le monache del monastero di Sant’Agostino gli commissionarono la Pala del beato Nicola da Tolentino; dopo la Crocifissione Gavari e Lo sposalizio della vergine, acquisita la notorietà, Raffaello si spostò a Perugia, fino al 1504.

Al periodo perugino, risalgono la Pala Colonna, La Pala Oddi e una serie di Madonne in cui intensità, perfezione, bellezza e serenità dei volti, raccontano l’amore più forte e delicato di tutti, quello materno: di questo periodo, La Madonna Solly e la Madonna Diotallevi.

Nel 1504 fu la volta di Firenze, in cui ebbe modo di vedere le opere di Leonardo da Vinci, a cui si ispirò in modo esplicito anche per la realizzazione della Madonna Esterházy, come cita il Vasari “piacendogli la maniera di Leonardo più che qualunque altra avesse veduta mai, si mise a studiarla” ( G. Vasari, Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori (1568)/Raffaello.

Nel 1509 Raffaello partì per Roma, dove Papa Giulio II, aveva creato un clima di rinnovamento artistico e culturale della città; qui Sanzio iniziò la decorazione della Sala della Segnatura, con il famoso affresco della Scuola di Atene.

 

Info

RAFFAELLO
dal 2.12.2014 al 11.1.2015

Palazzo Marino, Milano

http://www.comune.milano.it/dseserver/raffaello/index.html

 

Raffaella Ferrari

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto