Quello che (non) ho: Roberto Saviano e Fabio Fazio danno “la parola” a Elisa [VIDEO]

Quello che (non) ho: Roberto Saviano e Fabio Fazio danno “la parola” a Elisa [VIDEO]

Attenzione alla parola parlata e a quella cantata. La coppia Fazio-Saviano presenta gli ospiti, anche canori


Siamo agli sgoccioli, manca ormai pochissimo alla prima attesissima puntata di Quello che (non) ho, il nuovo programma pensato da Fabio Fazio e Roberto Saviano che si sono dimostrati una squadra vincente sin dai tempi di Vieni via con me. Le prime indiscrezioni sono trapelate ormai da tempo e ciò che si è capito davvero è che  quello che i sue conduttori faranno, sarà restituire potere alla parole, alle parole.

Attraverso le parole si racconteranno storie, le storie di tutti noi, di chi è come noi e di chi non lo è. Sarà una trasmissione politica ma senza politica. Il pubblico assisterà ad una tre giorni – il 14, il 15 e il 16 maggio in diretta su La7 – di reading con ospiti, incontri, testimonianze, canzoni, monologhi. L’evento andrà in onda da Torino presso le Officine Grandi Riparazioni  in concomitanza con la fine del Salone del Libro, e sarà caratterizzato, appunto, dalla centralità delle parole.

Ospite fisso del programma sarà la cantante Elisa, che reduce dal successo della sua partecipazione al Concerto del 1 Maggio a Roma, adesso si dedicherà anche a quest’esperienza televisiva verso la quale si dimostra completamente entusiasta e un po’ spaventata:

“E’ una grande responsabilità intanto per le canzoni che mi sono state proposte, canzoni mastodontiche, pezzi di storia, diciamo una lista killer. E non ci si poteva salvare. In un attimo puoi risultare da piano bar, il rischio è dietro l’angolo. Una canzone sarà One degli U2, vi rendete conto? Un tuffo carpiato con avvitamento”

https://www.youtube.com/watch?v=PDWCZ86859Y&feature

E nell’intervista fatta da Gino Castaldo per Repubblica, Elisa svela anche un segreto:

“E’ strano parlarne oggi anche perché sulla parola sono una frana, Fazio mi ha chiamata per simpatia, anche se è vero che quando canto do tantissima importanza alle parole,e per questo ho avuto tanta paura a fare un disco completamente in italiano, è stata una cosa difficile da sbloccare”





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto