Piero Pelù: Mille uragani, il nuovo singolo [TESTO E VIDEO]

Piero Pelù: Mille uragani, il nuovo singolo [TESTO E VIDEO]

Ecco il singolo di lancio del nuovo, attesissimo lavoro di Piero Pelù che, prendendosi una pausa dai Litfiba, torna ad…


Ecco il singolo di lancio del nuovo, attesissimo lavoro di Piero Pelù che, prendendosi una pausa dai Litfiba, torna ad avere cura della sua carriera solista. Identikit, la nuova raccolta del cantante fiorentino, verrà rilasciata il 19 novembre 2013 e i fan sono in trepidante attesa.

Piero Pelù Identikit

Dal 18 ottobre, invece, è in rotazione radiofonica il primo singolo di lancio del nuovo lavoro di Piero Pelù, Mille Uragani.

“MILLE URAGANI” è una song molto particolare che musicalmente mi evoca qualcosa della pre new wave bowiana berlinese ma che poi sconfina in parti quasi dark metal e hard southern rock, le chitarre di Fede Poggipollini ci danno dentro senza se e senza ma, anche il basso di Ciccio Licausi (ex Negrita) martella e trascina come un ossesso, spaziano le tastiere di Megahertz (Morgan) e ci dà dentro come un’anguilla rock il grande Luca Martelli che tanti di voi già conoscono e amano, alcuni interventi di chitarre sono anche di Saverio Lanza già mio compagno di viaggio ai tempi di “In faccia”. Il testo parla di una storia d’amore poetica e contrastata, una storia che resiste a tutte le tempeste che la aggrediscono e che prende forza proprio dalle difficoltà che la circondano: a modo mio questa song è un inno alla vita e mi son pure permesso di citare nel testo il grande mio concittadino esiliato Dante nel quinto canto dell’Inferno”.

Piero Peù: Mille Uragani, video ufficiale

 

 

Piero Pelù: Mille uragani, testo

Noi, noi

equilibristi come angeli,

caduti qui nel centro del nulla

mangiamo fuoco per tenerci vivi

e dentro la testa c’è un’incredibile esplosione

di vita,

inarrestabile.

 

Ci scambiamo energie speciali

e richiami

per creare correnti ascensionali.

Come quei due amanti

che Dante fa girare in eterno,

ci cerchiamo tra mille uragani…

 

Quale bellezza,

quale bellezza,

ci può salvare

solo la purezza.

Scatena i venti,

il fuoco,

i sensi,

i desideri più sommersi

è un’incredibile infusione di vita vita

pronta ad esplodere.

 

Ci scambiamo energie speciali e richiami

per creare correnti ascensionali.

Come quei due amanti che Dante fa girare in eterno.

Ci vediamo tra mille uragani…

 

Occhi neri, dove mi hai portato?

occhi grandi, che cos’è il peccato?

 

Ci scambiamo energie mentali

e richiami,

per creare correnti verticali…

Come quei due amanti che giran sempre giù all’inferno

con la forza di mille uragani e richiami…

 

Mille uragani,

mille richiami,

mille uragani

nelle tue mani…





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto