Perturbazione – L’Italia vista dal Bar, testo della canzone di Sanremo 2014

Perturbazione – L’Italia vista dal Bar, testo della canzone di Sanremo 2014

Protagonisti del Festival di Sanremo 2014, i Perturbazione sono l’unico gruppo in gara tra i Campioni con i brani L’unica e L’Italia vista dal bar


Come consuetudine, una settimana prima del Festival di Sanremo, Tv, Sorrisi e Canzoni pubblica i testi delle canzoni in gara all’Ariston e questo è il turno dei Perturbazione. La band, conosciuta da un pubblico di nicchia, ma con una carriera trentennale alle spalle, si presenta con L’unica e L’Italia vista dal bar.

I Perturbazione nascono in provincia di Torino, a Rivoli per l’esattezza, e la formazione vede diversi cambiamenti nel corso di questi anni, arrivando a quella attuale composta da Tommaso Cerasuolo– voce, mandolino; Elena Diana – violoncello; Gigi Giancursi – chitarra, cori; Cristiano Lo Mele– chitarra, tastiere; Rossano Antonio Lo Mele – batteria; Alex Baracco – basso (dal 2008).

Se volete conoscere meglio i Perturbazione, CLICCATE QUI.

Perturbazione – L’Italia vista dal Bar, testo

L’Italia vista dal bar

È un’istantanea di noi

Quasi impossibile da spiegare

Non c’è governo che tenga

Una possibilità

Che qualche cosa potrà cambiare

Un Biancosarti al mattino

Cappuccini fumanti

Il centravanti cos’ha mangiato

I tramezzini imbottiti

I vecchi pensionati

Inebetiti con il passato

E questi siamo noi

Poeti, santi ed avventori

E mediamente eroi

Qualcuno ce l’ha fatta

Ed è volato via

Ma quanta nostalgia

L’Italia vista dal bar

È sempre un fatto degli altri

Ognuno c’entra

E si sente a casa

C’è il giornale che aspetta

Un’altra sigaretta

Un salutarsi come per strada

E uno straniero è straniero

Perché questo mistero

Resterà senza soluzione

E se la gente s’incazza

Scenderemo in piazza

Oppure a far la ri-colazione

E questi siamo noi

Poeti, santi ed avventori

E mediamente eroi

Qualcuno ce l’ha fatta

Ed è volato via

Ma quanta nostalgia che ha

E non importa se il posto

Non è più fisso, non è più lo stesso

Ci deve essere un nesso

Tra la felicità e l’espresso

Proprio adesso

Proprio adesso

L’Italia vista dal bar

È un’istantanea di noi

Quasi impossibile da spiegare

Ed io che cerco un nesso

Tra un desiderio espresso

E la felicità qui e adesso





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto