“Nel sesso conta avere i piedi perfetti”, parola di gigolò per professione

“Nel sesso conta avere i piedi perfetti”, parola di gigolò per professione

Un gigolò per professione rivela i segreti del suo mestieri: quel che serve davvero per accendere il sesso


C’è chi sceglie di abbandonare l’università a pochi esami dalla laurea, semplicemente per la necessità di lavorare per mantenere il proprio figlio piccolo. Questa è stata la scelta di Joseph, 33 anni, ufficialmente libero professionista con partita Iva che dice: “Emetto fattura e pago le tasse”. Ammettendo di guadagnare almeno quanto un manager, ha rivelato all’AdnKronos che nessuno conosce il suo reale mestiere, soltanto suo fratello.

Queste le sue parole: “Non lo sa nessuno, ovviamente, tranne mio fratello. E’ un mestiere che amo e poi, sia chiaro mi faccio pagare come da tariffa ma non perdo mai l’eleganza. Non mi sono mai fatto pagare una cena da una donna, mai, neanche da una cliente di lungo corso. Non è carino”.

 Il giovane rivela poi qualche particolare piccante del suo lavoro e di ciò che ama di più in una donna: “La parte più sexy è sicuramente il collo, le ragazze e anche le signore lo sanno bene tanto che spesso si tatuano proprio lì. Molte delle mie clienti mi chiedono di massaggiarle il piede o anche soltanto di stare lì a guardarle, mentre camminano con scarpe nere eleganti e dal tacco alto”. 

Continua a spiegare Joseph: “Le scarpe devono essere aperte di modo che facciano vedere bene le unghie, ben curate, e possibilmente con uno smalto rosso”. Anche la caviglia deve essere piccola così come il piede che è molto importante per “accendere il desiderio. C’era una cliente che li aveva poco curati, con lo smalto rovinato e ho avuto qualche difficoltà.” 

LEGGI ANCHE:

Sesso, gli orari migliori per farlo

Sesso fetish, quello che piace agli uomini

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto