Napoli, riapre la “grotta del cane”

Napoli, riapre la “grotta del cane”

NAPOLI – Grazie anche ai tanti volontari che dallo scorso 7 marzo si sono impegnati in prima persona per renderlo fruibile…


NAPOLI – Grazie anche ai tanti volontari che dallo scorso 7 marzo si sono impegnati in prima persona per renderlo fruibile (vedi foto), in occasione della “Settimana della Cultura” indetta dal ministero per i Beni e le Attività Culturali, il gruppo Archeologico Napoletano e l’ente Terme Agnano S.p.A., in collaborazione con il comitato Civico Pendio-Agnano, riaprono il complesso archeologico delle terme di Agnano.

Sabato 14 e domenica 15 aprile  2012 dalle 9.00 alle 13.00 con ingresso gratuito sarà possibile effettuare il percorso del complesso archeologico in compagnia delle guide del Gan (durata visita: 90 minuti). La partenza è prevista dalle torri di entrata delle Terme di Agnano (Via Agnano Astroni 24); il percorso comprenderà:

I resti delle Mura greche: molto probabilmente le più antiche testimonianze archeologiche ritrovate nell’area flegrea risalenti al  III – IV secolo a.C. forse pertinenti ad un “santuario”

La Grotta del Cane: famosa per il fenomeno vulcanico diffuso in tutta l’area flegrea, quello delle “mofete”, le emissioni calde di gas di acido carbonico che si sprigionano fino ad una certa altezza e tali da fare tramortire un cane, di bassa stazza, che per errore dovesse intrufolarsi

Le antiche Terme romane: un imponente stabilimento termale sovrapposto su sette livelli costruito in età adrianea 117-138 d.C.

Per informazioni: Gruppo Archeologico Napoletano Tel. 081.5529002-338.4031994 oppure info@ganapoletano.it e sui siti www.ganapoletano.it e www.archemail.it

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto