Mostre. Marco Tamburro al Macro Testaccio

Mostre. Marco Tamburro al Macro Testaccio

ROMA – Domani, mercoledì 26 ottobre alle ore 18, all’interno degli spazi della Pelanda, presso il MACRO Testaccio, inaugura la…


ROMA – Domani, mercoledì 26 ottobre alle ore 18, all’interno degli spazi della Pelanda, presso il MACRO Testaccio, inaugura la mostra personale di Marco TamburroLife Live” a cura di Luca Beatrice.

In esposizione 30 opere circa, suddivise in due sezioni: una pittorica ed una fotografica, scelta imprescindibile, il lavoro pittorico dell’artista perugino, è  inizialmente fortemente influenzato dalla sua grande passione per la fotografia. Nel corso del tempo Tamburro ridurrà progressivamente nelle proprie opere l’uso di ritagli fotografici, una scelta determinata dalla consapevolezza di aver ormai scelto come mezzo espressivo principale la pittura, in cui le campiture di bianco e di nero, a volte interrotte da squarci accesi di rosso, esprimono al meglio la trasfigurazione di quel “teatro di vita” che egli vuole rappresentare.

Luca Beatrice, curatore della mostra, nel testo in catalogo edito da Il Cigno GG Edizioni, scrive: “Pur essendo pittura che genera dall’astrazione, con rimandi al vorticismo e all’ipercinetismo futurista, quello di Marco Tamburro è un lavoro dalla forte componente autobiografica, persino letteraria. Gesti e movimenti si mescolano di continuo a un vissuto improntato sulla storia personale e, metaforicamente, sul destino dell’artista.

Dietro di sé si agita il mondo come scosso da una spirale, da cui rischiamo di essere travolti ma che ci affascina e in fondo rappresenta l’unica possibilità concreta di esistenza. Aggiungere caos al caos. Moltitudini reali e immaginarie, perdita dell’orientamento, scherzo sul proprio destino (il clown, lo schermo disturbato)
Di questa mostra “La mia vita” è il quadro chiave, citando una vecchia canzone “è l’uomo che si gioca il cielo a dadi.”
www.macro.roma.museum





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto