MLB 2015 – Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova stagione

MLB 2015 – Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova stagione

Una rapida e completa guida alla stagione di baseball 2015, al via a pasqua, questa domenica


Questa domenica 5 aprile inizia la stagione 2015 della MLB (Major League Baseball) il campionato americano di serie A di Baseball. 30 squadre, 162 partite per ogni squadra in 7 mesi, 2 leghe per 6 division. Si riparte dalle World Series (le finali giocate al meglio delle sette) che ha visto vincere i San Francisco Giants per 4-3 contro i Kansas City Royals. Dopo decine di partite amichevoli durante la pre season (il cosiddetto spring training, giocato tra la Florida e l’Arizona) si inizia a fare sul serio. Domenica la partita inaugurale sarà St. Louis Cardinals contro Chicago Cubs, quando in Italia saranno le 2 di notte del 6 aprile.

Come si suddividono le squadre in campionato

30 squadre ripartite tra due leghe, la National League e la American League. Nessuna delle due è più importante dell’altra, sono solo delle separazioni, come le conference nella NBA o nella NHL. La vincitrice di una lega sfida in finale la vincitrice dell’altra lega al meglio delle 7 (la prima che ne vince 4). Durante l’anno ogni squadra gioca contro tutte le squadre della propria lega e di quella non di appartenenza. Ogni lega è divisa in 3 division geografiche, East, Central, West.
Le vincitrici di ogni division vanno ai playoff, insieme alla squadra vincitrice di una serie al meglio delle 5, tra la quarta e la quinta di ogni lega.

Le squadre

American League
East:
Baltimore Orioles
New York Yankees
Toronto Blue Jay
Tampa Bay Rays
Boston Red Sox

Central:
Detroit Tigers
Kansas City Royals
Cleveland Indians
Chicago White Sox
Minnesota Twins

West:
Los Angeles Angels of Anaheim
Oakland Athletics
Seattle Mariners
Houston Astros
Texas Rangers

mlb 2015

National League
East:
Washington Nationals
Atlanta Braves
New York Mets
Miami Marlins
Philadelphia Phillies

Central:
St. Louis Cardinals
Pittsburgh Pirates
Milwaukee Brewers
Cincinnati Reds
Chicago Cubs

West:
Los Angeles Dodgers
San Francisco Giants
San Diego Padres
Colorado Rockies
Arizona Diamondbacks

Le partite

Si giocano 162 partite tra il 5 aprile e il 4 ottobre, più gli eventuali playoff per chi ci arriva. Si gioca praticamente ogni giorno, con brevi soste per permettere alle squadre di spostarsi da una città all’altra in trasferta.
Ogni partita è divisa in 9 innings (tempi) e vince chi alla fine fa più punti. Ogni inning è diviso in due parti, una alta e una bassa. Nella prima attacca la squadra in trasferta, ovvero ha il turno di battuta, mentre nella seconda parte, attacca la squadra in casa.
La squadra che “difende” schiera in campo 9 giocatori nei seguenti ruoli: lanciatore (pitcher), deve lanciare la pallina dal monte di lancio e non permettere al battitore avversario di prenderla. La lancia al ricevitore (catcher) ma deve centrare un ipotetico rettangolo che sta davanti al guantone del ricevitore, all’altezza più o meno della mazza del battitore. Si, quindi deve “permettere” al battitore di prendere quella palla, se non fa ciò, non è una palla valida, ma un ball. Ad ogni base c’è un giocatore, prima base, seconda base, terza base e tra di esse un interbase. Più esterni, per i lanci lunghi ci sono 3 giocatori esterno sinistro, esterno centro e esterno destro.
mlb ruoli

Per eliminare il battitore, il lanciatore deve fare 3 strike, ovvero tre lanci che finiscono dentro al rettangolo senza che il battitore riesca a prendere la palla. Se invece per 4 volte la lancia fuori dal quadrato sono 4 ball e non solo non viene eliminato ma il battitore viene promosso in prima base. Attenzione però, un battitore dovrebbe riconoscere quando una palla è ball, e quindi non giocabile. Se riconosce la ball, non deve tentare di prendere la palla. Se invece lo fa e la manca, è come se fosse uno strike, perchè rende la ball valida e per l’appunto a liscia, lasciandola prendere al ricevitore. Se un battitore è molto forte e c’è rischio che faccia un’ottima battuta e quindi punto, di solito lo si spedisce in prima base con 4 ball, così da non permettergli nessun gioco o corsa.

Se un battitore prende in pieno la palla e la spedisce a distanza, può comunque venire eliminato direttamente, nel caso in cui la palla viene presa al volo da un giocatore della squadra opposta. Un battitore è eliminato anche quando colpisce la palla ma non raggiunge la prima base, o un’altra base, prima che la palla venga “consegnata” al giocatore in prima, seconda o terza base.

Come si fa punto? Per ora abbiamo parlato della “difesa”. L’attacco è abbastanza semplice, sulla carta, bisogna spedire la palla fuori campo (un home run) oppure fare un giro completo delle basi, tornando a casa base. Come si fa ciò? Si spedisce la palla in lati del campo in cui non ci sono ricevitori avversari e si corre, molto. Bisogna sapere però fino a quanto vale la pena correre prima di essere eliminati, ovvero arrivando alla base dopo la pallina.
Tranquilli, sembra complicato ma una volta che si è visto una partita, si capisce il casino che sto spiegando.

Un inning finisce quando vengono eliminati 3 battitori.

L’opening day

Il calendario delle prime partite di ogni squadra

Domenica 5 aprile
St. Louis – Chicago
Lunedì 6 aprile
Toronto – NY Yankees
Minnesota – Detroit
Colorado – Milwaukee
Boston – Philadelphia
Baltimore – Tampa Bay
NY Mets – Washington
Chicago White Sox – Kansas City
LA Angels – Seattle
Pittsburgh – Cincinnati
San Diego – LA Dodgers
Atlanta – Miami
Cleveland – Houston
San Francisco – Arizona
Texas – Oakland

Gli Italiani

Solo 2, Alex Liddi, che ha giocato nei Seattle Mariners, Chicago White Sox Chicago White Sox, Los Angeles Dodgers e nelle minors negli Albuquarque Isotopes, mentre quest’anno sarà nei Kansas City Royals, e Marten Gasparini, ragazzo sedicenne ex Cervignano Tigers, sotto contratto anch’esso con i Royals ma attualmente messo a crescere nelle leghe minori.

Le quote delle scommesse

Ecco le quote degli scommettitori su chi vincerà il campionato 2015. Se scommettete un dollaro vincete la cifra a fianco di ogni squadra. Più la cifra è alta più è facile che non vincano

Washington Nationals 6/1
Los Angeles Dodgers 17/2
Boston Red Sox 10/1
Seattle Mariners 12/1
St. Louis Cardinals 12/1
Los Angeles Angels 14/1
Chicago Cubs 16/1
Chicago White Sox 16/1
Detroit Tigers 16/1
San Diego Padres 18/1
San Francisco Giants 18/1

Gli Yankees sono dati 35/1 come i rivali cittadini dei Mets.

mlb yankees

Luca Fallati





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto