Milan, Silvio Berlusconi pronto all’addio

Milan, Silvio Berlusconi pronto all’addio

Silvio Berlusconi pronto a lasciare la presidenza del Milan, tra le cause dei problemi economici del club la mancata partecipazione alla Champions League


La sconfitta di domenica scorsa con l’Atalanta non è certo andata giù a Silvio Berlusconi, tanto che il numero del club ha affermato: “Sono più sconfortato che arrabbiato – afferma – non si può perdere contro giocatori che guadagnano 5 volte in meno dei nostri“. Ecco quindi i primi segnali di resa da parte del Cavaliere, che sembrerebbe pronto ad annunciare la resa.

Dopo 29 anni, per la prima volta, Berlusconi è sul piede di lasciare i rossoneri, la cui mancata partecipazione in Champions League è a tutti gli effetti uno dei problemi economici del club. Bisogna quindi trovare un acquirente credibile, ma la strada imboccata sembra essere proprio questa. Si tratterebbe soltanto di una questione di tempo e denaro, nonostante il presidente non voglia scendere sotto il mezzo miliardo di euro.

“Non l’ho mai detto, ve lo garantisco”, si è visto costretto a smentire Berlusconi al telefono. Troppo palese però l’attacco all’allenatore Inzaghi, alla squadra e all’amministratore delegato Galliani. Lunedì, a margine del pranzo di famiglia ad Arcore e dei successivi appuntamenti politici, ha confessato a più di un interlocutore la propria stanchezza di presidente che non sa perdere, e per la prima volta anche una parte consistente dei tifosi rossoneri gli chiede di lasciare. Che sia veramente la fine di un’era?





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto