Massimiliano Allegri vs Antonio Conte: come cambierà la Juventus, modulo, giocatori, calciomercato

Massimiliano Allegri vs Antonio Conte: come cambierà la Juventus, modulo, giocatori, calciomercato

Antonio Conte ha dato l’addio alla panchina della Juventus, ecco che cosa potrebbe cambiare con l’arrivo di Massimiliano Allegri: vediamo le mosse nello scacchiere tattico e le ultime news sul calciomercato


I tifosi della Juventus sono ancora sotto shock per via dell’addio di Antonio Conte. Il tecnico ha deciso di andarsene dopo tre anni e altrettanti Scudetti e due Supercoppe Italiane. Agnelli e Marotta hanno repentinamente nominato il suo successore: si tratta dell’ex Milan Massimiliano Allegri. L’allenatore livornese si è messo subito a lavorare con la squadra, vediamo come il modulo potrebbe cambiare con il suo arrivo.

Conte giocava con il 3-5-2 con Lichtsteiner e Asamoah sugli esterni, in mezzo Andrea Pirlo, Paul Pogba e Arturo Vidal gli davano sicurezze, gol e geometrie. Allegri ha sempre privilegiato un centrocampo a tre e nell’anno dell’ultimo Campionato vinto dal Milan, non ha assolutamente avuto problemi a mettere tra le seconde linee l’attuale 21 bianconero. Dovrà, con tutta probabilità, ricucire i rapporti con il bresciano. I moduli più probabili con cui potrebbe giocare sono il 4-3-1-2 o il 4-3-3.

Vediamo un ipotetico schieramento: Buffon tra i pali, difesa affidata ad Evra e Lichtsteiner terzini di spinta, Barzagli e Chiellini centrali. Asamoah spostato in mezzo accanto a Pirlo e Pogba, Claudio Marchisio trequartista dietro le punte che saranno Carlos Tevez e Fernando Llorente. Inevitabile parlare di calciomercato: oggi arriva per le visite mediche e la firma Alvaro Morata, incerta invece la situazione di Arturo Vidal. Il cileno potrebbe partire così come essere ritirato dal mercato: una mossa per far lievitare il prezzo? Staremo a vedere. Nelle ultime ore si parla molto anche di Lukaku.

La Juve sarà ancora competitiva? Riuscirà a far bene anche in Europa? Commenta con noi la situazione dei bianconeri, seguici su Facebook cliccando qui.

Ferrari Franco Andrea





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto