Lux in arcana – L’Archivio Segreto Vaticano si rivela, la mostra ai Musei Capitolini

Lux in arcana – L’Archivio Segreto Vaticano si rivela, la mostra ai Musei Capitolini

Per la prima volta l’archivio segreto del Vaticano apre le sue porte per offrire al pubblico cento documenti inediti. Fino al 9 settembre avrete la possibilità di ammirarli.


Mancano solo pochi giorni al termine ma è un evento imperdibile. 100 originali e preziosissimi documenti scelti fra i tesori che l’Archivio Segreto Vaticano da secoli conserva e protegge, per la prima volta sono visibili da tutti, per un evento senza precedenti. La mostra è stata realizzata in collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma e Zètema Progetto Cultura.

Organizzata in occasione del IV Centenario dalla fondazione dell’Archivio Segreto Vaticano vuole spiegare e raccontare che cos’è e in che modo funziona l’Archivio dei Papi e, allo stesso tempo, rendere visibile ciò che sino ad ora è stato segreto e permettere di accedere ad alcune meraviglie finora custodite nei circa 85 km lineari di scaffali dell’Archivio Segreto Vaticano; verranno infatti esposti documenti di straordinaria valenza storica, che coprono un arco temporale che va dall’VIII secolo d.C. fino al XX secolo.

 

 

Il titolo “Lux in arcana” comunica il principale obiettivo della mostra: la luce che filtra nei recessi dell’Archivio illumina una realtà preclusa ad una conoscenza superficiale, ma fruibile solo attraverso il contatto diretto e concreto con le fonti dell’Archivio, che per la prima volta apre le porte alla scoperta della storia, a volte inedita, raccontata nei documenti. Il percorso espositivo è arricchito da allestimenti multimediali, guidati da una rigorosa quanto coinvolgente narrazione storica, per permettere al visitatore di assaporare alcuni famosi eventi del passato e di “rivivere” i documenti, che si integrano con il racconto dei retroscena e dei personaggi coinvolti.

Una prestigiosissima sede, prescelta per ospitare questo evento memorabile che sottolinea il profondo legame fra la città di Roma e il Papato fin dall’età medioevale; alla sensibilità per le arti di Sisto IV si legano infatti le origini di entrambe le istituzioni coinvolte nell’evento, ma allo stesso tempo la storia custodita nell’Archivio Segreto Vaticano si intreccia con la storia dell’Italia, dell’Europa e del mondo intero.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto