Loredana Bertè contro il padre: “Non vedo l’ora che crepi”

Loredana Bertè contro il padre: “Non vedo l’ora che crepi”

Non sono mancate violenze e soprusi da parte di papà Bertè nei confronti delle due figlie e per questo Loredana ha per lui solo parole durissime


Sin dall’inizio della sua carriera, che dura ormai da diversi decenni, Loredana Bertè ha iniziato a farsi conoscere dal pubblico come uno dei personaggi più vulcanici della musica italiana, radicalmente differente rispetto alla più sobria e timida sorella Mia Martini, che lei non ha mai dimenticato. Proprio per questo stupiscono fino a un certo punto le parole dell’artista calabrese rivolte al padre, con cui il rapporto è sempre stato parecchio difficile, anche se sono davvero fortissime: “Io non soffro, non vedo l’ora che crepi. Per prendere le ceneri di mia sorella e finalmente spargerle davanti a Bagnara, nel mare. E finché quel bastardo non crepa, io non posso farlo” – ha detto in occasione della sua presenza all’ultima puntata del ‘Maurizio Costanzo Show.

Pur essendo passati ormai tanti anni dalla morte di Mia, infatti, la Bertè ogni volta che è stato possibile ha voluto ricordarla anche in pubblico e in molte occasioni non è riuscita a trattenere le lacrime, ma proprio le parole pronunciate nei confronti del padre fanno capire come i rapporti tra loro siano tornati tutt’altro che sereni.

Loredana ora vorrebbe rispettare quelle che sarebbero state le volontà della Martini, che riposa nel cimitero di Cavaria con Premezzo, in provincia di Varese, dove viveva, e fare cremare quanto è rimasto del suo corpo in modo tale da poter gettare le sue ceneri in mare. Finchè il patriarca della famiglia è in vita, però, è necessario il suo assenso per compiere questa operazione.

Un dicorso del genere è certamente duro, durissimo, e difficile da digerire, ma è stato accolto dagli applausi del pubblico in studio che ha evidentemente compreso che deve essere successo qualcosa di pesante e strettamente personale se la cantante calabrese è arrivata a pronunciare parole di questo tipo.

Già in passato, infatti, si era parlato di soprusi perpetrati da Bertè nei confronti delle figlie, un atteggiamento che Loredana nemmeno ora che è passato del tempo riesce a dimenticare e a perdonare: “Lui odiava le donne e ha avuto solo figlie femmine. L’unico maschio che avrebbe potuto avere l’ha ucciso prendendo a calci mia madre durante l’ultimo mese di gestazione. Essendo la più piccola sono stata fortunata perché non ho preso le botte, ma ha buttato mia sorella dal balcone per un sei in latino, lui era professore di latino e greco ed era un’onta pazzesca; mentre Mimì ha rischiato la vita per un 4 in inglese, lei è scappata di casa e l’hanno ritrovata in stato di choc”.

Non ci sono parole tenere però nemmeno nei confronti della madre: “Mia madre si è sposata a 15 anni ed era una bambina, non è stata una madre, c’ha lasciate me e Mimì in mezzo ad una strada. Io e lei abbiamo comprato una casa con i soldi che avevamo cominciato a guadagnare e l’abbiamo intestata a lei. Mia madre l’ha venduta senza dirci niente e l’ho scoperto quando ho cercato di tornare a casa mia dopo un anno negli Stati Uniti. Sono andata al suo funerale solo per vederla sotterrare”.

Per chi conoscesse poco il carattere di Loredana Bertè ne ha comunque avuta un’impressione più che evidente recentemente nell’esperienza da “giudice” di ‘Amici 14″ che ha intrapreso da poco dove non ha esitato a lanciare complimenti a chi lo meritava, ma anche a “demolire” chi ha ritenuto troppo altezzoso, come il rapper Mattia Briga. Nei confronti del padre, però, parlare a cuor leggero è evidentemente difficile, anche se sapere che lei spera solo che muoia è la dimostrazione di un dolore fortissimo che non vuole andare via.

Altri articoli che potrebbero interessare:

Loredana Bertè giudice ad ‘Amici 14’

– Loredana Bertè contro Briga nella seconda puntata di ‘Amici 14’

– Amici 14, Loredana Bertè frena Briga: “Cambia mestiere”

Ilaria Macchi

 

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto