Le tre rose di Eva, ritmo lento e poche novità: cosa deve cambiare?

Le tre rose di Eva, ritmo lento e poche novità: cosa deve cambiare?

Sembra essere calato il gradimento del pubblico per la fiction di Canale Cinque e non mancano le critiche sul web, voi cosa ne pensate?


Siamo quasi giunti a metà di questa nuova serie di puntate de ‘Le tre rose di Eva’, giunta alla terza edizione, dove Mediaset, forte del successo degli anni passati, ha voluto predisporre ben quattordici appuntamenti che chiuderanno questa stagione tv per il gruppo di Cologno Monzese dove finora i risultati delle fiction sono stati al di sotto delle aspettative. Rispetto ai vecchi episodi appare però evidente un ritmo piuttosto lento e poche novità introdotte dagli autori che fanno quindi sorgere un’interrogativo da non trascurare se si dovesse ipotizzare una quarta serie: cosa deve cambiare per arrivare a incollare il telespettatore davanti allo schermo?

Già la scelta di mettere in palinsesto la fiction il venerdì non sembra essere stata particolarmente vincente: si tratta di una giornata, infatti, in cui le giovani generazioni in vista del weekend decidono di trascorrere la serata fuori, ma chi invece vuole stare davanti alla tv, stanco dalle fatiche settimanali, ha bisogno certamente di qualcosa di accattivante da guardare e la trama de ‘Le tre rose di Eva 3’ non sembra raggiungere questo scopo.

Appare evidente osservando i dati d’ascolto delle varie serate come chi inizia a guardare la puntata della fiction con protagonisti Anna Safroncik e Roberto Farnesi finisca poi in molti casi per cambiare canale, a conferma di una sceneggiatura piuttosto noiosa o densa di troppi elementi di mistero che tardano a svelarsi in tempi brevi come si dovrebbe fare in questi casi (il successo de ‘La dama velata’ è la dimostrazione più evidente).

C’è chi inoltre nei commensi apparsi sul web abbia sottolineato come la scelta di realizzare un numero così elevato di puntate non appaia del tutto azzeccata: per alcuni, infatti, emerge quasi la volontà degli attori di “allungare il brodo” con vicende poco credibili come la presenza della “cattiva” Veronica Torre diventata ora una suora (in grado però di rendersi protagonista di una scena infuocata con indosso la tonaca) o del piccolo Davide che in breve tempo diventerà un problema per Aurora e Alessandro.

Chi ha lavorato a ‘Le tre rose di Eva’ sembra avere comunque percepito il malcontento serpeggiato nei social su queste nuove puntate per il ritmo lento e le poche novità emerse: i telespettatori che amano questa saga sembrano avere bene in testa cosa deve cambiare, ma effettivamente qualcosa forse davvero succederà nelle prossime settimane. I membri del cast artistico e tecnico, infatti, promettono presto un un imminente cambio di registro, quasi un ribaltone. Cosa accadra? E voi avete apprezzato le puntate andate in onda finora?

#letrerosedieva, altri articoli che potrebbero interessare:

– Le tre rose di Eva 3, Karin Proia (Marzia) debutta regista

– Anna Safroncik, dopo Le tre rose di Eva sogna Hollywood

– Le tre rose di Eva 3, Wurth e Axen grandi amiche fuori dal set

Ilaria Macchi

– Le tre rose di Ev





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto