Le tre rose di Eva 3, Axen e Wurth grande amiche fuori dal set

Le tre rose di Eva 3, Axen e Wurth grande amiche fuori dal set

I loro personaggi sul set si incontrano poco, ma le due attrici hanno sviluppato un grande rapporto


Torna stasera una nuova puntata de ‘Le tre rose di Eva 3’ (appuntamento come sempre dalle 21.10 su Canale Cinque) un appuntamento davvero imperdibile per milioni di persone che non vedono l’ora di conoscere gli aggiornamenti su Aurora (Ana Safroncik) e Alessandro (Roberto Farnesi), che si sono finalmente riuniti, anche se certamente non mancheranno ancora intrighi e traversie. Tra le protagoniste più apprezzate ci sono comunque anche Giorgia Wurth, che dà il volto a Tessa, la sorella più tormentata di Aurora, ed Euridice Axen (Veronica), attualmente protagonista di una redenzione dopo i tanti problemi causati ai due protagonisti, che non sappiamo ancora quanto durerà. La Axen e la Wurth, pur non avendo grossi legami nella storia, sono invece grandi amiche fuori dal set.

Dopo diversi anni trascorsi lavorando insieme alla fiction le due hanno così raccontato a ‘Tv sorrisi e canzoni’ il forte legame che le unisce: “Ho voluto Euridice come protagonista del trailer video del mio secondo libro, ‘L’accarezzatrice’, che parla di assistenza sessuale ai disabili’, un tema di grande attualità”, racconta Giorgia.

Dello stesso avviso è ovviamente anche la Axen, tornata nuovamente single dopo la fine della sua storia con Primo Reggiani, che ha voluto raccontare qualche sfaccettatura in più della sua ‘Veronica”, che ovviamente qualche critica si è guadagnata da parte del pubblico, ma questa è un’ulteriore dimostrazione del suo talento da attrice: “Veronica dopo la morte del fratello e il carcere si è redenta, si è fatta suora, ma la sua conversione attraverserà diverse fasi. Anche perché la natura delle persone non si cambia… il mio personaggio mi fa tenerezza, perché non riesce a trovare qualcuno che la mai davvero”. Euridice ammette che sul set la rivalità tra colleghi c’è, ma sottolinea anche di aver legato con Franco Castellano e Anna Safroncik, e di frequentare appunto assiduamente Giorgia Wurth.

Il libro è stato un vero successo per la Wurth, che ora ne sta progettando un altro, ma il lavoro sulla sua opera di esordio non è finita qui e si svilupperà a breve: “L’accarezzatrice” è stato appena inserito come testo di studio in un corso all’Università Roma 3, nella facoltà di Scienze della formazione. Nei giorni scorsi ho tenuto una lezione. Quando sono entrata in aula e ho visto gli studenti con il mio romanzo sul banco sono scoppiata in lacrime. È stata una delle esperienze più emozionanti della mia vita”.

La Axen, invece, ha voluto mantenere il riserbo su quelli che potrebbero essere i suoi prossimi lavori, anche se inevitabilmente un po’ di rimpianto potrà esserci ora che ‘Centovetrine‘, dove lei ha iniziato a farsi conoscere, è stata chiusa, pur con la consapevolezza che si tratta di un’esperienza in un ambito che non vorrà ripetere: Ho recitato in quella serie mentre ero in tour a teatro con Gabriele Lavia. Diciamo che girare una soap è un intermezzo piacevole e leggero”.

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto