Le Iene e gli uffici fantasma del Senato

Le Iene e gli uffici fantasma del Senato

Nella serata di domenica, servizio sui lavori del palazzo di Santa Maria Aquiro non ancora terminati. Tutto ciò sulle spalle dei contribuenti


Iniziati nel 2003, i lavori per i nuovi uffici in Santa Maria in Aquiro dovevano durare due anni ma un servizio proprio de Le Iene nell’aprile del 2011 aveva dimostrato che non erano bastati 8 anni per concludere i lavori. Come ha dimostrato il servizio di ieri, dopo altri due anni, non è cambiato pressoché nulla e i contribuenti pagano dal 2003 affitti per locali non ancora ultimati.

“Dopo due anni dal nostro sopralluogo, adesso gli uffici saranno sicuramente a disposizione dei parlamentari neo eletti” si ironizza nel video. Ma la situazione non è praticamente mutata rispetto al 2011. L’ex orfanotrofio, adibito per la creazione di 50 nuovi uffici per i senatori, è costato 30 milioni di euro di spesa pubblica per un cantiere che, 2 anni fa, era appena sorto.

Dai pavimenti alle scale e pure l’intonaco: nel 2011 mancava quasi tutto, i ritardi nella consegna dei lavori sono stati abissali. Nel servizio, gli operai non rispondono alle domande, il capo cantiere si dimostra quanto mai irritatato. Viene addirittura impedito l’accesso all’ ultimo lotto degli uffici da consegnare. Ed i cittadini pagano ancora.

Nel servizio di Giulio Golia, è stato intervistato il dottor Vannoni sul metodo Stamina ed è tornato a parlarci di Sofia, la bambina affetta da una grave malattia a cui il Tribunale vieta le cure, mentre Enrico Lucci ha intervistato alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto