Last Cop – L’ultimo sbirro, anticipazioni prima puntata quarta stagione stasera su Rai 1

Last Cop – L’ultimo sbirro, anticipazioni prima puntata quarta stagione stasera su Rai 1

Su Rai 1 torna Mick Brisgau, il mitico poliziotto interpretato da Henning Baum. Last Cop – L’Ultimo sbirro sbarca con la quarta stagione oggi, mercoledì 16 luglio, su Rai 1 in prima serata, ore 21.20. Vediamo le anticipazioni di questa prima puntata


Tutto è pronto per un ritorno in grande stile. Last Cop – L’ultimo sbirro sbarca stasera con la prima puntata della quarta stagione su Rai 1 alle ore 21.20. Non prendete dunque impegni per oggi, mercoledì 16 luglio: Mick Brisgau, il poliziotto più macho di Germania, è pronto a sorprendervi con nuove ed incredibili avventure. Henning Baum, l’attore che lo interpreta, è amatissimo anche in Italia.

Vediamo subito alcune anticipazioni relative agli episodi che verranno mandati in onda. In primo luogo diciamo subito che Last Cop rappresenta una sorta di unicum nel suo genere in quanto è uno dei pochi programmi televisivi che in estate – periodo notoriamente critico per le trasmissioni in tv – riesce a catturare milioni di appassionati davanti al piccolo schermo. Non mancheranno le sorprese clamorose.

Si riprende da dove Mick ci ha lasciati. Lo sbirro scopre l’identità dell’uomo che lo ha mandato in coma vent’anni prima e si arrabbia coi suoi compagni di polizia per avergli nascosto tutta la verità in merito. La sua reazione lascia tutti di stucco: lascia il commissariato e va a vivere nella foresta come fosse un eremita. Il suo caro amico Andreas (Maximilian Grill) subisce le conseguenze della sua decisione: verrà affiancato da un corpulento collega non molto simpatico. Le puntate in questione si intitolano Il perdono e Vecchie conoscenze.

Che cosa succederà invece mercoledì 23 luglio? Mick, ve lo sveliamo subito, torna in servizio e continuerà ad occuparsi di casi di difficile risoluzione. Tutti pronti per Last Cop? Se vuoi rimanere sempre aggiornato con la fiction di Rai 1, seguici su Facebook cliccando qui.

Ferrari Franco Andrea





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto