La settimana in tv: i promossi e i bocciati

La settimana in tv: i promossi e i bocciati

Un’altra settimana televisiva è andata via. Siete del partito del menomale o del che peccato? E  se a dominare nel…


Un’altra settimana televisiva è andata via. Siete del partito del menomale o del che peccato? E  se a dominare nel piccolo schermo sono stati in maniera diretta o indiretta gli affari della politica nazionale, la settimana che oggi s’apre offre maggiori spunti di svago: si comincia stasera con la prima puntata de L’isola dei Famosi edizione numero otto, si prosegue fino a sabato con il festival della Canzone italiana. La pax sanremese servirà a disintossicarci dal bunga bunga?  Intanto ecco la pagella di Erika Brenna sui sette giorni televisivi appena trascorsi.

L’INTERVISTA DI FILIPPO INZAGHI DA DARIA BIGNARDI  – IN

Filippo Inzaghi è una bella persona: le sue parole strabordano di passione per il calcio, la sua professione ma anche il suo amore grande. Daria Bignardi, che di calcio sa pochissimo, entra in relazione con lui, ed è preparatissima sul suo ospite – cosa che ultimamente non le capita più così spesso –. Gli occhi lucidi sul ricordo di Pippo per la vittoria della Champions League del Milan con i suoi due goal sono la dimostrazione che la domanda giusta trasforma la semplicità del gioco del calcio in “epopea”. Anche se Pippo tiene a precisare “noi siamo dei fortunatissimi a fare di mestiere la nostra passione”

CHIAMBRETTI NIGHT E LA PARANOIA DEL SESSO – OUT

Il Chiambretti Night cresce negli ascolti, ma…a quale prezzo. Ospiti d’eccezione escort, porno star, Fabrizio Corona e l’immancabile Vittorio Sgarbi. Canale 5 ha una mission di share importante, diversa chiaramente da quella di Italia1 (dove Chiambretti ha trascorso le ultime due stagioni tv), ma il Chiambretti Night per adeguarsi ai necessari dati di ascolto, invece di riscrivere il programma in chiave più generalista e da rete ammiraglia, sembra abbia soltanto svenduto la sua grande creatività al trash patinato. Invece di lavorare e creare nuovi personaggi, invece di sfruttare una macchina produttiva costosissima, Chiambretti porta sulla rete ammiraglia personaggi e temi che starebbero bene sulle reti private. Degli Anni ’80 però.

LA CRIMINOLOGA ROBERTA BRUZZONE (OUT) IN PARODIA ( IN)

La televisione è sempre alla ricerca di personaggi che possano riempire uno spazio vuoto nei talk show e una delle new entry è Roberta Bruzzone, criminologa, apparsa in tv qualche anno fa come esperta di macchina della verità a quella che fu Buona Domenica guidata da Maurizio Costanzo, ma diventata “punto di riferimento” dei salotti televisivi (Porta a Porta e Matrix) con il caso di Erba e ancora di più con il caso di Sarah Scazzi, essendo consulente di Michele Misseri. Conduce addirittura un programma su Real Time dal titolo Donne Mortali: donna di bell’aspetto, labbra carnose, dizione impostata e sguardo sempre alla ricerca della telecamera non poteva sfuggire all’occhio attento della parodia. A Quelli che il calcio, Virginia Raffaele (la stessa che parodiava il presidente della Regione Lazio Renata Polverini) ne fa un ritratto meraviglioso. Andatelo a guardare e domandatevi “Chi è l’originale?”

ANNOZERO IGNORA L’EGITTO E SCEGLIE IL BUNGA BUNGA  –  OUT

Michele Santoro perde un’occasione per uscire dal “provincialismo” di cui siamo tutti vittime – e anche responsabili – in questo Paese: con l’Egitto in piazza ormai da una settimana, Annozero ha dedicato la puntata nuovamente al tema “Bunga Bunga”. Certo c’erano Nicki Vendola e un’intervista esclusiva a Beppe Grillo, ma sempre di “mutandine”, premier, Nicole Minetti, Ruby si è parlato. Ad un certo punto è stato dato un brevissimo aggiornamento sulle presunte dimissioni del presidente Mubarak (quelle vere sono arrivate il venerdì), ma sembrava un francobollo appiccicato. Ma dov’è finito il Santoro che raccontava l’Europa?

MATRIX E LE DONNE – IN

E’ la settimana delle donne, confluita nella manifestazione di ieri dal titolo “Se non ora quando”: in mezzo a tanti momenti di talk show in cui tutti hanno parlato, straparlato sul ruolo della donna nella tv, sono da segnalare due puntate di Matrix davvero interessanti. Interessanti perché hanno posto l’attenzione su due problemi profondamente drammatici che coinvolgono quotidianamente le donne: la violenza di cui spesso sono vittime e l’anoressia. Due puntate di servizio pubblico, lo si può dire senza rischiare l’eresia, soprattutto per la presenza di testimonianze dure ma indispensabili per andare oltre il solito chiacchiericcio da talk show.  Alessio Vinci sembra sempre un po’ a disagio in queste situazioni, ma le testimonianze hanno avuto, e lui glielo ha lasciato, il giusto sopravvento.  (Erika Brenna)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto