La marijuana può uccidere le cellule tumorali, arriva la conferma

La marijuana può uccidere le cellule tumorali, arriva la conferma

Secondo quanto confermato dal governo USA la marijuana sarebbe in grado di uccidere le cellule tumorali


La marijuana può uccidere le cellule tumorali? Sembrerebbe proprio di sì.  Si ritiene che la cannabis – che è legale in alcuni stati americani – sia in grado di ridurre anche alcuni dei più gravi tumori cerebrali. La ricerca è stata condotta dal National Institute on Drug Abuse (NIDA) che è finanziato dal governo federale.

La marijuana può salvare delle vite umane?

Parte di una pubblicazione della NIDA recita: ‘Recenti studi sugli animali hanno dimostrato che la marijuana può uccidere alcune cellule tumorali e ridurre le dimensioni degli altri. Prove di uno studio condotto sugli animali suggeriscono che gli estratti di una pianta di marijuana possono ridurre una delle più gravi forme di tumori cerebrali. La ricerca sui topi ha dimostrato che questi estratti, se usati con le radiazioni, sono capaci di aumentare gli effetti killer sulle cellule tumorali prodotti dalle radiazioni.’

Queste ricerche potrebbero preso essere inserito in un nuovo disegno di legge avente il compito di ri-classificare la cannabis ad un nuovo livello che afferma che tale pianta ha un certo valore medicinale e quindi è potenzialmente in grado di salvare delle vite umane.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics nel mese di novembre, ha scoperto che la cannabis aiuta a “ridurre drasticamente” la crescita di nuove cellule tumorali del cervello.

I vantaggi degli elementi vegetali della cannabis erano già conosciuti prima, ma la drastica riduzione dei casi di cancro al cervello, se la cannabis è usata unitamente alle tecniche di irradiazione, è qualcosa di nuovo e potrebbe rivelarsi promettente per i pazienti che si trovano in gravi situazioni mediche a causa di gravi forme di cancro“, ha riferito il dottor Wai Liu, Senior Research Fellow e ricercatore responsabile del progetto.

Ventitré Stati americani hanno finora legalizzato la marijuana, mentre altri 12 hanno legalizzato l’uso medico limitato di estratti di cannabis non psicoattivi. Quattro Stati e il District of Columbia hanno legalizzato la marijuana ricreativa. Il governo federale, però, vieta ancora l’uso di marijuana sebbene, come anticipato, un nuovo disegno di legge potrebbe presto cambiare le cose.

LEGGI ANCHE: Lo zucchero bianco fa male alla salute, ecco perché

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto