Il segreto – La morte di Alberto [video]

Il segreto – La morte di Alberto [video]

La soap opera spagnola di Canale 5 ci regala un nuovo colpo di scena


La telenovela Il segreto, in onda alle ore 16.15 su Canale 5, ha incantato milioni di telespettatori con le vicissitudini di Pepa (Megan Montaner) e Tristan (Alex Gadea).
Per celebrare il grande successo della soap opera, ripercorriamo alcuni dei momenti salienti con dei video tratti dal profilo Youtube ufficiale di Antena 3, l’emittente televisiva spagnola che trasmette El secreto de Puente Viejo.

Oggi ripercorriamo assieme la triste morte di Alberto Guerra (Xosè Barato): l’uomo, dal momento della sua prima apparizione sino alla fine, si è mostrato in un crescendo di perfidia, soprattutto nei confronti della povera Pepa.
Il giovane medico infatti le ha chiesto la mano, e la bella levatrice ha accettato, consapevole che il suo amore per Tristan sarebbe stato impossibile.
Per Pepa inizia un periodo molto brutto, costretta a rimanere lontana dal suo vero amore, subendo addirittura violenza carnale da lui.

Infine la levatrice decide di seguire il suo cuore e chiede il divorzio, ma Alberto non ha nessuna intenzione di accontentarla: piuttosto, la rapisce per evitare che la donna scappi di nascosto.
Tristan scopre il segreto del medico e lo raggiunge presso il suo studio, ma Alberto si ferisce ad una gamba con la pistola per poter incolpare il giovane Montenegro.
Pepa, una volta libera, riesce ad ottenere il divorzio e la smentita delle accuse contro il povero Tristan.

Tutto sembra volgere al meglio per i due giovani amanti, ma Carlos Castro, ancora in cerca di vendetta, è sempre in agguato.
Ed ecco così che Pepa viene sequestrata dal malvivente, che cerca di ucciderla dandole fuoco; a salvarle la vita sarà non Tristan, bensì proprio Alberto, che si sacrifica per il suo amore.
Il dottore muore accoltellato, ma riesce a chiedere ed ottenere il perdono di Pepa.

Per rivedere il triste momento della morte di Alberto, cliccate qui.
Continuate inoltre a seguirci sulle nostre pagine Facebook e Twitter. (g.s.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto