Il fantasma di un bambino nell’ex orfanotrofio abbandonato – FOTO

Il fantasma di un bambino nell’ex orfanotrofio abbandonato – FOTO

Grazie a Google Street View vediamo quello che sembra essere il fantasma di un bambino che piange in un edificio notoriamente inquietante.


Quello che sembra essere un misterioso bambino fantasma è stato avvistato in un ex orfanotrofio abbandonato, spaventando la gente del posto venerdì 13 febbraio. La struttura, come mostrato da Street View di Google, mostra quello che potrebbe essere un volto di un bambino in una finestra dell’ex orfanotrofio ormai chiuso da anni. Una petizione locale ha lanciato l’allarme, ritenendo che l’immagine mostri un bambino che piange nella finestra del palazzo in mattoni rossi. L’edificio vittoriano fatiscente, che in origine ospitava il Seaman Orphan Institution di Liverpool, si ritiene che ora possa essere popolato dai fantasmi secondo le relazioni del Liverpool Echo.

fantasma

In seguito la struttura venne utilizzata come ospedale medico per il Newsham Park Hospital, e poi come un manicomio prima che fosse chiuso dal consiglio comunale di Liverpool nel 1997. L’interno dell’edificio si estende per 99.000 metri quadrati nei quali i fantasmi sarebbero liberi di andare avanti e indietro. Possono essere osservati posti per 400 orfani e successivi 400 pazienti, una decaduta aula magna, un’agghiacciante sala mortuaria, un dedalo di corridoi, dormitori, nove reparti psichiatrici, scale a chiocciola con griglie anti-suicidi, sale per trattamenti, una grande cucina e la lavanderia. Non mancano letti rotti arrugginiti, sedie a rotelle e carrelli sparsi ovunque.

Un corridoio di una mansarda superiore è rivestito con 14 armadi “cattivi”, nei quali venivano rinchiusi i bambini poco disciplinati o che si fossero comportati male in qualche modo. Avvistamenti di fantasmi sono stati riportati al piano superiore, dove gli ospiti hanno spesso descritto i rumori e le sensazioni di disagio quando sono stati nel palazzo. Alcuni recenti cacciatori di fantasmi sono stati perseguitati da voci, cerchi che apparivano e scomparivano e nebbia bianca. Inoltre, poco tempo fa, alcuni promotori hanno presentato domanda di licenza edilizia al fine di creare un ristorante all’interno di quella che può essere definita una struttura davvero sgangherata.

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto