“I giovani dipendono dal porno”, l’allarme dei sessuologi

“I giovani dipendono dal porno”, l’allarme dei sessuologi

Una ricerca condotta da un team di esperti dell’università di Padova ha messo in luce la dipendenza dei giovanissimi dalla fruizione del porno online


Uno studio redatto da professore Carlo Foresta dell’Università di Padova, che da oltre 10 anni, analizza le frequentazioni e successive ricadute dei giovanissimi di 18-20 ani sui siti porno, ha messo in luce che il 78% dei giovani fruisce abitualmente dell’accesso a siti pornografici, sebbene si possa variare da qualche volta al mese (circa il 29%) a più volte a settimana (63%) a più volte al giorno (8%). La permanenza media sui siti porno è di 20-30 minuti. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista americana International Journal of Adolescent Medicin Health.

I giovani intervistati hanno parlato di frequentazione di siti porno che ha il sapore dell’abitudine, sebbene in alcuni casi possa parlarsi di vera e propria dipendenza con dei comportamenti sessuali (reali) che risultano compromessi nel 25% dei casi. Per coloro che frequentemente accedono a siti porno tali patologie si concretizzano in notevole riduzione del desiderio sessuale (16%), aumento delle eiaculazioni precoci (4%) e disturbi della eiaculazione (4%). Lo studio ha anche messo in evidenza che, rispetto al 2004, la frequentazione dei siti porno da parte dei giovani è cresciuta tantissimo, raggiungendo una percentuale del 70% di coloro che si collegano più volte a settimane per circa 30 minuti a collegamento.

I più assidui frequentatori di siti porno sono i figli unici, con genitori spesso impegnati per larga parte della giornata in attività lavorative e che quindi hanno tempo di rimanere da soli a casa. In genere la percentuale è più alta per i fumatori: 55% contro il 40% dei non fumatori. La fruizione eccessiva del porno online allontana i giovani dalle esperienze reali e, contemporaneamente, riduce l’abitudine alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Queste sono dunque alcune delle allarmanti motivazione alla base del dibattito promosso dalla Fondazione Foresta Onlus previsto per il 6 maggio dalle ore 18 al Centro Culturale San Gaetano, Via Altinate, di Padova con la partecipazione di vari luminari del campo.

Sesso, i consigli delle pornostar per essere hot sotto le lenzuola

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto