I Cesaroni, Niccolò Centioni su Micol Olivieri: “Non so nemmeno se è viva o morta”

I Cesaroni, Niccolò Centioni su Micol Olivieri: “Non so nemmeno se è viva o morta”

Parole al veleno quelle di Rudi Cesaroni verso l’interprete di Alice,
la sorella di set con cui sembra non avere un buon rapporto


Nonostante ne I Cesaroni siano la coppia del momento, nella vita reale
i rapporti tra Niccolò Centioni e Micol Olivieri, alias Rudi e Alice,
non si possono affatto definire affiatati, almeno alla luce di quanto
dichiarato dall’attore sulle pagine del settimanale Vero Tv.

Durante l’intervista, quando è il momento di parlare della sua storica
“sorella” per fiction e compagna di viaggio Niccolò Centioni non ci va
leggero, e svela quali siano in realtà le trame del rapporto privato
che intercorre tra i due colleghi: “Con Micol non ho un gran rapporto.
Da quando è rimasta incinta non l’ho più sentita, non so neppure se è
viva o morta”.

In pratica, nonostante l’affiatamento mostrato sul set durante le
riprese della serie che li vede protagonisti, oltre le telecamere tra
di loro non esiste un vero rapporto come invece si poteva supporre, ma
anzi, come continua a dichiarare nel corso della stessa intervista,
addirittura lei non lo ha nemmeno invitato al matrimonio: “Sembra che
non le freghi un cavolo di me e quindi io mi comporto di conseguenza.
Tendo a trattare le persone come loro trattano me”.

In molti ricorderanno il loro viaggio di un anno fa nell’adventure
game di Rai 2 Pechino Express, dove vennero fatti fuori quasi
immediatamente dimostrando palesemente di non essere una coppia adatta
a gestire quel genere di situazioni.

A distanza di tempo, Niccolò torna a parlarne, ed anche in questo caso
lo fa andando dritto al punto: “Se avessi partecipato con il mio cane
avrei vinto! Micol mi ha messo addosso una tristezza… È stato come
avere un telefono senza batteria che si sta per spegnere”. Di certo, a
guardarli in video non ci si sarebbe mai aspettato un risvolto privato
di tale astio e distacco, piuttosto c’era l’impressione che
quell’affiatamento da set non fosse soltanto funzionale alla
telecamera, ma piuttosto dettato da un’amicizia o almeno da un minimo
di considerazione anche nel quotidiano.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto