Gomorra 2, quando comincia la serie italiana da record

Gomorra 2, quando comincia la serie italiana da record

Ecco quando con ogni probabilità vedremo su Sky Gomorra 2, la serie italiana più acquistata all’estero


Gomorra 2 comincia ormai a delinearsi. Parliamo della serie italiana più venduta all’estero, acquistata da ben 113 paesi. Quella che si preannuncia un’altra serie dai grandi numeri, riprenderà dal finale di Gomorra che ci ha lasciato col fiato sospeso. In molti, dopo che Ciro (Marco D’Amore) ha sparato a Genny (Salvatore Esposito), si sono chiesti se il più giovane dei Savastano sarebbe sopravvissuto. Oggi possiamo affermare con certezza che Genny riuscirà a cavarsela dopo un periodo di coma passato in ospedale. Don Pietro (Fortunato Cerlino), evaso dal carcere, risulterà essere impegnato a rimettere insieme i pezzi del suo clan. Salvatore Conte, tornato dalla Spagna, cercherà invece nuove alleanze. In questo contesto molto maschile, avranno però un ruolo preponderante due donne: Scianel (Cristina Donadio) e Patrizia (Cristiana Dell’Anna).

LEGGI ANCHE:  Gomorra la serie due anticipazioni e novità, donne boss al potere?

 

Dodici le puntate per Gomorra 2, le cui riprese stanno ora toccando Napoli e dintorni (tra gli altri posti dove si è girato ricordiamo Germania, Croazia e sud-America). Il debutto è previsto su Sky Atlantic Hd tra marzo e aprile 2016. Riccardo Tozzi ha annunciato anche ci sarà una terza stagione di Gomorra la serie: “Si farà anche una terza stagione, già stiamo cominciando a pensarci.”

Per Gomorra 2 il budget previsto per la realizzazione è stato di circa 16 milioni e mezzo di euro, ma sono state coinvolte anche le associazioni operanti sul territorio in modo da evitare sia ritardi che possibili infiltrazioni della camorra. Il produttore ha aggiunto: “Per la prima serie avevamo fatto 1000 contratti, facendo lavorare più di 4000 persone, impossibile controllare tutti. La realtà di Napoli era molto più complicata di quanto ci aspettassimo, avevamo `cappottato´ all’inizio ma ci siamo riassestati presto.”

Lo scrittore Roberto Saviano rimane come consulente: “Ci aiuta a non semplificare, a districarci in questa realtà, tenendo conto che noi raccontiamo un’anomalia, la Campania è piena di gente perbene”.

Secondo Marco D’Amore/Ciro, ad ogni modo, “se qualche camorrista avesse visto Gomorra, probabilmente si sarà fatto quattro risate. La realtà è molto peggiore, nonostante il nostro sia un lavoro crudo, feroce, di grandissimo sforzo per avvicinarci a raccontarla”.

LEGGI ANCHE:

Gomorra la serie 2, cosa ne sarà di Ciro Di Marzio

Gomorra 2 anticipazioni, Ciro Di Marzio contro tutti

Simona Vitale

 

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto