Gli anni spezzati, ecco L’Ingegnere Alessio Boni

Gli anni spezzati, ecco L’Ingegnere Alessio Boni

Grande successo per la fiction di Raiuno


Continua la serie che sta conquistando il pubblico televisivo di Raiuno. Si tratta de Gli anni spezzati, una fiction che vuole narrare alcune storie sullo sfondo di un periodo veramente critico per l’Italia, gli Anni di Piombo. Dopo aver visto Il Commissario con Emilio Solfrizzi ed Il Giudice con Alessandro Preziosi, storie vere, ecco che arriva L’Ingegnere. Queste vicende, pur essendo inventate, hanno un qualcosa di vero: le vicende storico-politiche dell’epoca.

Siamo nel 1980. Il dirigente della Fiat Giorgio Venuti (Alessio Boni) è un uomo buono e dai sani principi. E’ vedovo e deve accudire le sue due figlie: Valeria (Giulia Michelini) e Silvia (Arianna Jacchia). Il suo destino è crudele perchè l’uomo, che intrattiene buoni rapporti con gli operai, dovrà licenziarne 61. C’è una motivazione alla base di questa decisione improvvisa: il sospetto che ci sia lo zampino delle Brigate Rosse che aizzano le persone contro l’azienda. Ma ci sarà un’altra brutta sorpresa per Giorgio: la figlia maggiore è affascinata dagli ideali dei terroristi e decide di combattere con loro. Il padre lo scopre e si ritroverà tra due fuochi, la sua coscienza e l’amore verso Valeria.

La giovane viene arrestata durante il tentativo di fermare un losco piano. Venuti è sconvolto ma decide di dare vita ad una manifestazione contro il terrorismo per sensibilizzare l’opinione pubblica. Un’altra storia farà breccia nel cuore degli italiani per fare luce su un periodo che ha sconvolto il Bel Paese. Le vicende narrate fungono da esempio: il coraggio dei protagonisti nell’affrontare il proprio destino ha fatto centro e milioni di telespettatori ne sono rimasti incantati. (a.f.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto