Gigi Buffon scatena le ire di Antonio Cassano che lo accusa

Gigi Buffon scatena le ire di Antonio Cassano che lo accusa

Il numero 10 della Nazionale di Cesare Prandelli prende le difese dei giovani giocatori e accusa il portiere


A quanto pare le nostre previsioni sono state giuste e non c’era bisogno di un indovino per essere sicuri che della Nazionale di  calcio eliminata dai Mondiali del Brasile 2014 avremmo sentito parlare a lungo. Ecco quindi che siamo ancora qui a parlare, leggere, discutere e condividere quella che è stata una figuraccia internazionale della nostra squadra di calcio. Ci si è affrettato a dare colpe, a sparare sentenze, ad esprimere giudizi, ma tanto le cose non sono cambiate pur facendolo.

Ecco quindi che hanno anche preso la parola i giocatori stessi della nazionale di Cesare Prandelli che non ha perso tempo a rassegnare le proprie dimissioni: i veterani come Gigi Buffon e Davide De Rossi hanno affermato di aver meritato le sconfitte, che i giovani della nazionale avrebbero potuto e dovuto fare di più, che i “vecchi” sono comunque stati risolutivi quando ce n’era bisogno.

Ovviamente in tantissimi hanno pensato che il riferimento per Mario Balotelli non fosse poi così velato e che comunque non ci riferisse ad altri se non al bomber su cui tutti gli italiani avevano riposto sogni e aspettative. Ecco quindi che anche il numero  9 della nazionale ha risposto a tutte le critiche, ma in suo perfetto stile lo ha fatto attraverso i social network.

Giù altre critiche, e giù altri parerei di Commissari Tecnici e allenatori da bar improvvisati e chi più ne ha più ne metta. A quanto pare però le tensioni interne tra i giocatori non sono mancate e continuano a destare l’attenzione mediatica. Stavolta a prendere la parola ci pensa Antonio Cassano.

Secondo un’indiscrezione di La Repubblica, l’attaccante pugliese ha fatto conoscere il suo personalissimo punto di vista sulla questione, puntando il dito proprio sui Capitan Buffon e sulle sue parole dure. “Anche perché non bisogna dimenticare che nell’unica partita che abbiamo vinto, mi pare che Buffon non ci fosse”. 

Insomma, un attacco mirato, un affondo vero e proprio contro il Capitano e non è finita qui: per Cassano non dovrebbe esistere la morale perché tutti i giocatori hanno fatto del proprio meglio nel corso delle partite e non dovrebbero esistere i buoni e i cattivi. Eccoci di fronte all’ennesimo capitolo di quella che è una questione che forse non si esaurirà a breve.

Per saperne di più, CLICCATE QUI. (b.p.)





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto