Gentleman: PSY non è una meteora

Gentleman: PSY non è una meteora

Lo ha dimostrato a tutti: PSY non è soltanto un ‘one-hit wonder’. Gangnam Style è stato sol l’inizio…


Il successo di Gangnam Style è stato solo il trampolino di lancio per PSY. Se qualcuno ha pensato che con la canzone-tormentone la sua carriera fosse decollata e finita allo stesso tempo, adesso è costretto a ricredersi. PSY da quando è uscita la nuova Gentleman ha dimostrato di essere una vera popstar capace di creare e sfornare successi. Certo, un pezzo all’anno, eppure un pezzo di incredibile successo capace di battere tutti i record.

Uscita all’inizio di aprile, Gentleman nella sua prima settimana ha registrato un numero di visualizzazioni su YouTube superiore alla media e le carte in regola per superare un miliardo di visualizzazioni ci sono tutte. Insomma, PSY c’è e si fa sentire.

In un’intervista a MTV News, la star coreana ha confessato:

“Onestamente ho cambiato questa canzone un sacco di volte fino all’ultimo momento. Non ero emozionato, ero tremante! Ero così nervoso. Il mio unico obiettivo era evitare di venire chiamato ‘one-hit wonder’. Così è stato un momento molto teso prima della premiere. E in due settimane, con 230 milioni di visualizzazioni, ho dimostrato di non essere un ‘one-hit wonder’. Sono molto felice e sollevato per questo”.

Il cantante prosegue:

“Ho lanciato il singolo venerdì 12 aprile e il giorno dopo, sabato 13, ho fatto un enorme concerto in Corea con 50mila persone, così quella settimana è stata infernale. Nella stessa settimana, di lunedì e martedì, ho girato il video di ‘Gentleman’. Finite le riprese, mercoledì, giovedì e venerdì abbiamo fatto il montaggio, intanto facevo le prove e memorizzavo tutta la coreografia. Bene, quella è stata la settimana peggiore di tutta la mia vita”.

Pezzo pronto, coreografia già assimilata praticamente da tutti e successo assicurato. Ecco come una meteora diventa un fenomeno capace di durare negli anni:

 

 

(b.p.)





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto