Fotografo avventuroso rischia la vita per scattare immagini mozzafiato – FOTO

Fotografo avventuroso rischia la vita per scattare immagini mozzafiato – FOTO

Andrey Grachev ha detto che il suono del ghiaccio che si rompeva sotto i suoi piedi era snervante, ma che “il rischio è stato ben ripagato da una simile esperienza.”


Queste immagini sbalorditive di una grotta di ghiaccio siberiano durante il sorgere del sole sono state scattate da un fotografo che non ha avuto paura di rischiare la propria vita. Il coraggioso Andrey Grachev, 35 anni, ha dovuto attraversare il ghiaccio incrinato che avrebbe potuto cedere il passo, in qualsiasi momento, per scattare delle bellissime foto della grotta sotto la splendida luce del sole dorato.

Anche se molti avventurieri hanno già attraversato il ghiaccio in passato, Andrey ha ignorato i pericoli evidenti per entrare nella grotta. L’uomo ha attraversato il Lago Baikal, in Siberia orientale, con l’aiuto di guide locali, dove circa 50 auto sono ancora in attesa di essere recuperate dall’acqua gelida dopo essere cadute attraverso il ghiaccio.

Grotta

Quando il fotografo è arrivato alla caverna magica di Olkhon ha trovato centinaia di stalattiti di ghiaccio e di enormi blocchi di ghiaccio che erano pronti ad ostacolare il suo cammino. Andrey, da Mosca, ha detto:. “Decine di incidenti sono registrati ogni anno e determinati principalmente da automobili che crollano sotto il ghiaccio e, naturalmente, ci sono speso delle vittime.Il pericolo deriva dalla capacità del ghiaccio di muoversi che si traduce in crepe piuttosto larghe. A volte queste crepe di ghiaccio possono essere anche più di due metri di larghezza.”

grotta 1

Andrey ha detto che il suono del ghiaccio che si rompeva sotto i suoi piedi era snervante ma si è abituato ad esso come fosse un evento regolare.

Ha aggiunto: “La maggior parte degli incidenti avviene quando il ghiaccio non è abbastanza spesso, di solito a dicembre e a gennaio o quando i piloti non prestano attenzione alle strade segnate. Per fortuna, noi non abbiamo avuto situazioni di pericolo, ma sulla via del ritorno ci siamo subito imbattuti in una crepa enorme sulla strada che ci ha costretto a trovare un nuovo percorso. L’inverno nei pressi del lago Baikal è semplicemente fantastico, direi che, nonostante i pericoli per l’esperienza vissuta ne è valsa la pena.”

Grotta 2

 

Simona Vitale





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto